Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Alberto Giacometti “sbanca” un’acquirente

Postato da on feb 5th, 2010 e file sotto Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

12040aaaaacUn record storico: 74 milioni di euro per una scultura. E’ questa la cifra che si è raggiunta nella giornata di ieri durante un’asta da Sotheby’s a Londra. Secondo gli addetti ai lavori, è la prima volta che un’opera d’arte raggiunge una simile quotazione, e l’autore del lavoro è Alberto Giacometti, artista della prima metà del Novecento nato nella Svizzera italiana e che con il nostro paese ha avuto assidui contatti.

Homme qui marche il titolo dell’opera per cui è stata offerta la clamorosa cifra; una delle sculture che rappresentano al meglio lo stile di Giacometti negli anni del secondo dopoguerra, quando, profondamente segnato dagli avvenimenti bellici, elabora un linguaggio che esprime la crisi esistenziale dell’uomo del tempo. Nascono, allora, le sue figure filiformi, alte, sottilissime, come fossero consumate dal tempo e dal dolore, realizzate con una lavorazione della materia che volutamente non definisce i contorni in modo netto, ma lascia le superfici mosse, increspate, creando effetti di chiaro-scuro con risultati di potente drammaticità.

L’opera è stata messa all’asta dalla banca tedesca Commerzbank AG, che ne era entrata in possesso con l’acquisizione della Dresdner Bank nel 2009. Sconosciuto, invece, il nome dell’acquirente.

Fonti: City Corriere


Leggi Ancora

Lascia una risposta