Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Le recensioni di Booklive: Papa Wojtyla e i fratelli maggiori

Postato da on set 12th, 2013 e file sotto Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Il libro di Lorenzo Gulli Papa Wojtyla e i “fratelli maggiori” è un omaggio per l’impegno dimostrato da Papa Giovanni Paolo II nel tentativo di ricostruire ed incoraggiare il dialogo ebraico-cristiano e la pace tra il mondo cristiano e quello ebraico. In un momento come questo, con il Papa Francesco che si sta impegnando per trovare una sintesi tra le varie religioni del mondo, questo libro rappresenta il punto di partenza per costruire la pace nel mondo.

Lorenzo Gulli dimostra in questo libro una profonda ammirazione per l’impegno di Papa Giovanni Paolo II e per il suo coraggio di intraprendere un lungo e faticoso viaggio per costruire la pace nel mondo e creare un dialogo ebraico-cristiano costruttivo e pacifico. Lorenzo Gulli riflette sulla figura di Papa Giovanni Paolo II che ha lasciato in eredità un patrimonio spirituale che deve essere mantenuto, ha insegnato al mondo ebraico-cristiano di percorrere la vita con coraggio, impegno e rispetto reciproco. Ha insegnato all’uomo come essere migliore, mostrando una società più giusta e la possibilità di ottenere la pace attraverso il rispetto reciproco.

copertina papa wojtyla

Papa Wojtyla e “i fratelli maggiori” nasce per diffondere e mantenere vivo il ricordo di ciò che è stato fatto nel mondo e che non andrebbe dimenticato. Ci ricorda che la vita di ogni uomo, giovane, grande o vecchio che sia, è fatta da piccoli passi, a volte anche incerti, ma necessari per percorrere la strada di Dio.

Con Papa Francesco che si impegna oggi con determinazione a trovare una sintesi tra le religioni del mondo, il libro di Lorenzo Gulli ci appare più attuale che mai perché offre la base da cui partire per trovare la pace nel mondo e per ricostruire il dialogo ebraico-cristiano. Lorenzo Gulli, presente alla sinagoga di Roma il 13 aprile 1986, riporta le preghiere di Papa Giovanni Paolo II in questo storico evento raccontando al lettore il suo svolgimento solenne nei minimi dettagli, condividendo anche le riflessioni e le emozioni suscitate.

Il libro racconta al lettore, attraverso documentazioni e descrizioni dettagliate degli eventi, il coinvolgimento di Papa Wojtyla nel tentativo di costruire la pace nel mondo e un dialogo ebraico-cristiano illuminandoci anche sull’impegno di tanti religiosi coinvolti nella salvezza degli ebrei durante la guerra. I gesti di apertura di Giovanni Paolo II durante il pontificato sono numerosi e Lorenzo Gulli vuole condividerli con il lettore attraverso questo libro scritto con affetto.

Il Papa Giovanni Paolo II ha tracciato un percorso di pace e serenità dove è necessario sconfiggere il male con il bene e ricordare gli eventi senza provare desiderio di vendetta o odio. Un mondo dove dobbiamo pregare per la giustizia e per la pace e dimostrare impegno e determinazione nella sua costruzione. Un mondo di pace porta giustizia a tutti e ci farà evitare di cadere negli stessi errori del passato e di commettere ancora gli stessi terribili crimini.

Un libro che ci insegna che certi orrori del passato non vanno dimenticati ma anzi vanno ricordati con uno scopo preciso, ossia per assicurare che mai più quel male si ripeterà. Una libro emozionante che ripercorre le visite di Papa Wojtyla nel campo di sterminio di Brezinka, il suo incontro con i Rabbini di Israele e le sue preghiere a Gerusalemme e in Giordania.

È un libro che da speranza a questo mondo contemporaneo in cerca di pace.


Leggi Ancora

Lascia una risposta