Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Grande successo per l’innovazione italiana a Pechino

Postato da on apr 15th, 2011 e file sotto Hi-Tech. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Grande successo per l’innovazione italiana a Pechino il 14 aprile scorso dove si è tenuta la International Technology Transfer Conference 2011, organizzata dall’Agenzia per diffusione delle tecnologie per l’innovazione, dalla Beijing Municipal Commission of Science & Technology (BSTC), dalla Peking University (PKU) e dalla Association University of Technology Managers (AUTM).
Durante la cerimonia di apertura, dove ha partecipato come ospite d’onore di fronte a un pubblico di oltre 2000 partecipanti il presidente dell’agenzia Davide Giacalone, si è tenuta la firma dell’ accordo che ha istituto il Centro di trasferimento tecnologico Sino Italiano, che rende operative le attività dell’Agenzia in Cina.
Il centro, che svilupperà il progetto Italia degli innovatori, ha il compito di accompagnare le imprese italiane e le imprese cinesi negli incontri bilateriali che si terranno alternativamente ogni sei mesi in Italia e in Cina.
La giornata del 14 è proseguita con un seminario organizzato da Antonio Cianci dell’Agenzia dell’ Innovazione, in cui le imprese italiane presenti in Cina e le principali istituzioni italiane e cinesi hanno discusso dell’innovazione italiana. Grazie al supporto dell’ Ambasciata italiana a Pechino e dell’Ice, molto presente in Cina con 7 uffici molto efficienti e preparati, è stato possibile presentare il volto tecnologico dell’Italia, che comincia ad essere molto apprezzato dai cinesi. In particolare hanno partecipato con il coordiamento del direttore dell’ Ice Antonino  Laspina, da parte italiana, Paolo Appendino di Prima Industrie, leader mondiale nel settore delle machine laser per il taglio dei metalli, Piero Italiano di Costech, specializzata nel recupero dei metalli inquinanti dai rifuiti e che già aveva ottenuto grande successo a Shanghai nell’edizione 2010 di Italia degli Innovatori, Margherita Turviani della Venice University e Paolo Bazzoni, Ceo di Prysmian China, leader mondiale nel settore dei cavi.
 


Leggi Ancora

Lascia una risposta