Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Le zecche benefattrici dell’umanità

Postato da on nov 27th, 2009 e file sotto Hi-Tech. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Zecca di Lyme

Zecca di Lyme

Un team di ricercatori Belgi presso l’ Università di Bruxelles, ha condotto una serie di ricerche sulle zecche. Considerate da sempre parassiti nocivi per l’uomo, causa di diverse malattie anche per animali, potrebbero diventare invece benefattrici dell’umanità.
I ricercatori hanno scoperto che la saliva della zecca, rilascia delle molecole anticoagulanti, ed anti-infiammatorie. Le zecche sono degli acari giganti, lunghe circa 3 centimetri, che si nutrono di esseri umani o di animali vertebrati, principalmente di rettili e serpenti. Nel corso della loro evoluzione hanno affinato delle tecniche molto sofisticate, e riescono ad essere quasi invisibili. Prima di tutto vanno alla ricerca di un luogo idoneo, poi attraverso il muso, fatto come una siringa, iniettano nella pelle la loro saliva. Entro poche ore il muso è saldamente radicato sull’epidermide. Con la saliva vengono rilasciate anche altre sostanze, anti-infiammatorie,  anestetiche, e antigoagulanti che  gli permettono di eludere il sistema immunitario. Queste sostanze potrebbero essere  utilizzate per prevenire l’insorgere di malattie come la trombosi, l’ictus o l’embolia polmonare. Il team del Dr. Edmond Godford, ha iniziato anni fa una serie di sperimentazioni per curare la malattia di Lyme, una malttia trasmessa dalle zecche. Grazie all’analisi  della loro saliva  hanno scoperto questa proteina anti-coagulante, ed attualmente attraverso l’isolamento del gene riescono a  produrne su vasta scala. E’ la Bioxodes l’azienda che sta conducendo le sperimentazioni cliniche, ma ammonisce il Dottor Godford, il processo per giungere a compimento richiederà dei tempi lunghi.


Leggi Ancora

Lascia una risposta