Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

L’effetto Placebo comincia nel midollo spinale

Postato da on ott 16th, 2009 e file sotto Hi-Tech. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Scansione con risonanza magnetica

Scansione con risonanza magnetica

In uno studio sull’effetto Placebo, pubblicato oggi sulla rivista “Science”, viene messo in luce come tale effetto non riguardi solo la mente, ma funzioni innanzitutto a livello della colonna vertebrale, bloccando i segnali di dolore che dal midollo spinale giungono al cervello. Si apre un capitolo in più sul perché alcune persone provino sollievo curandosi con rimedi che non agiscono affatto sul dolore. Quando i pazienti si aspettano un trattamento efficace, infatti, l’area del cervello responsabile del controllo del dolore rilascia di endorfine naturali, che comunicano con il midollo spinale per sopprimere i segnali di dolore in entrata. Il Prof. Falk Eippert, della University Medical Center Hamburg-Eppendorf, è riuscito a ottenere scansioni ad alta definizione del midollo spinale di 15 volontari, utilizzando la risonanza magnetica. Durante la scansione, che si è orientata sull’area del corno dorsale, i volontari sono stati punti con il laser sulle mani. Poi è stato detto loro che su una mano sarebbe stata applicata una crema contro il dolore, sull’altra una crema priva di efficacia. In realtà nessuna delle due creme era curativa, ma, sulla mano su cui credevano di aver ricevuto la crema attiva,  le persone hanno sostenuto di sentire il 25% di dolore in meno. Dallo studio emerge che i fattori psicologici possono influenzare il dolore nella fase più precoce del sistema nervoso centrale, in modo simile alla morfina. Questa scoperta potrebbe avere importanti applicazioni per lo sviluppo di nuovi farmaci anestetici che agiscano a livello del midollo spinale.

Fonte Timesonline.co.uk


Leggi Ancora

Lascia una risposta