Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Tecnologia e Istituzioni per un mondo a misura di donna

Postato da on lug 13th, 2010 e file sotto Hi-Tech. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Vorrei poter scendere con il mio cane e poter andare al parco sotto casa alle dieci di sera, vorrei poter girare il mondo senza avere paura, vorrei che gli uomini provassero, almeno una volta nella loro vita, cosa vuol dire non  sentirsi libera di muoversi, di trovarsi in un determinato posto ad una determinata ora; questi sembrano solo desideri, in realtà sono espressioni di un disagio profondo con cui, soprattutto, le donne convivono ogni giorno.

Le cose devono cambiare e, a loro modo, un po’ lo stanno facendo; la parola d’ordine è parlarne, denunciare, far cadere quel velo di omertà che, lentamente, uccide la dignità della persona. Anche lo stalking è un reato, non esiste solo la violenza fisica, i segni lasciati su di un corpo abusato non sono nulla a confronto di quelli lasciati sull’anima, non c’è bisogno di un contatto fisico per rovinare la vita di una persona e questo lo sa bene Eleonora, una ragazza costretta ad una vita di clausura e di terrore a causa delle minacce di un collega di lavoro che la perseguita da anni.

L’incubo per lei è finito,  grazie ad una legge giusta e al suo coraggio di denunciare, ma il ricordo e la paura, per quello che ha passato, fanno fatica ad andarsene, ed è per questo che è nostro dovere aiutarla, riportare la sua vita ad una parvenza di normalità.

Il comune di Roma, ieri, ha deciso di regalare ad Eleonora un strumento di sicurezza personale di nuova generazione, denominato Petra – Synaps Technology; questo dispositivo, dotato di un localizzatore GPS, è in grado di inviare una richiesta di soccorso ad una centrale operativa, semplicemente, premendo un tasto. Le dimensioni di questo dispositivo sono quelle di una moneta e può essere portato con sé, mettendolo su qualsiasi indumento e fissandolo con una clip.

E’ vero che di “Eleonore” al mondo ce ne sono tante, ma il suo caso è la dimostrazione che si sta andando verso la giusta direzione, ovvero, quella che vede la tecnologia e le istituzione lavorare insieme  per costruire un mondo a misura di donna.


Leggi Ancora

Lascia una risposta