Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Effusioni al parco, gay aggrediti

Postato da on ago 23rd, 2009 e file sotto A.I. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

assalto omofoboDue gay che si stavano scambiando effusioni sono stati aggrediti all’Eur di Roma, all’uscita del Gay Village nel parco Rosati, da un 40 con precedenti penali che è poi stato denunciato dalla polizia per tentato omicidio. Una delle vittime, in gravi condizioni, è stata accoltellata all’addome; l’altra ha avuto una prognosi di 7 giorni per una ferita al cuoio capelluto avendo ricevuto una bottigliata in testa.

Alle 4 i due giovani erano usciti dal Gay Village, una rassegna dell’Estate Romana dove si svolgono spettacoli e concerti organizzata dalle associazioni gay della capitale, quando si sono diretti nel Parco Rosati e lì si sono scambiati effusioni. L’uomo, infastidito, ha dapprima inveito nei loro confronti con insulti e alla loro replica si è scagliato contro di essi, prima colpendo alla testa con una bottiglia uno dei due e, successivamente, ferendo all’addome anche l’altro giovane.

I due sono stati soccorsi dai poliziotti, giunti in seguito alle numerose richieste di soccorso pervenute al 113 da parte di alcuni testimoni che avevano assistito al ferimento. Gli agenti della Squadra mobile hanno ricostruito il fatto grazie anche alle testimonianze dettagliate dei testimoni che avevano visto fuggire l’uomo. Gli agenti hanno quindi individuato il 40enne e lo hanno denunciato.

Il sindaco Alemanno: “Aggressore andava arrestato”
“Ancora una volta devo protestare vivamente per una decisione adottata da un magistrato. E’ inaccettabile che un accoltellatore che ha agito con un chiaro movente di intolleranza sessuale, mettendo in pericola la vita di due persone, sia oggi soltanto denunciato a piede libero per un mero cavillo procedurale”. Lo ha detto il sindaco di Roma Gianni Alemanno.

Il sindaco ha poi precisato: “Gli uomini della Squadra mobile di Roma mi hanno garantito che il criminale in questione rimarrà sotto stretta osservazione per evitarne la fuga. Ma chiedo con forza che il magistrato inquirente adotti immediatamente il provvedimento di restrizione in carcere di questo delinquente”. Il sindaco esprime, infine, “solidarietà ai due ragazzi aggrediti che pagano il prezzo di un’intolleranza e di una violenza veramente ignobile e ingiustificabile”. Il Campidoglio ha poi fatto sapere che si costituirà parte civile nel processo a carico dell’accoltellatore.

fonte TGCOM


Leggi Ancora

Lascia una risposta