Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

La giornata internazionale della guida turistica, itinerari per Roma

Postato da on feb 19th, 2010 e file sotto A.I. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Alessandro VanniniLa Commissione moda e turismo del Comune di Roma, ha patrocinato, in occasione della Giornata internazionale della guida turistica del 21 Febbraio, che da diversi anni si tiene in tutto il mondo, tre giorni di visite gratuite in alcune importanti aree artistiche della nostra città. Saranno le guide turistiche abilitate ad accompagnare i visitatori in questo percorso, che attraverserà diverse epoche della storia romana: dall’età tiberiano- claudia al tardo barocco. La visita si aprirà al Colombario di Pomponio Hylas, un sepolcro, scoperto nel 1831 da Giovanni Pietro Campana. Il sepolcro edificato tra il 14-54 a. C., mostra ancora gli affreschi, gli stucchi colorati ed alcuni mosaici in paste vitree. L’itinerario turistico prevede inoltre una visita presso il Complesso dei Santi Quattro Coronati, sito sul Colle Celio tra la Basilica di San Giovanni in Laterano e la valle del Colosseo. E’ composto dalla Basilica, dal Chiostro del XIII secolo e dalla Cappella dedicata a San Silvestro. Ancora oggi conserva l’aspetto di fortezza, posta a difesa del Laterano. Infine il tour prevederà un’ulteriore tappa alla Cappella del Monte di Pietà, uno dei migliori esempi decorativi del tardo barocco romano, che venne inaugurata nel 1725. Composta di marmi colorati, di basso rilievi in marmo di Carrara, con raffinate dorature della cupola. Un’opportunità offerta a chiunque abbia voglia di dedicare una giornata alle ricchezze artistiche ed architettoniche della nostra città. L’Italia ed in particolar modo la città di Roma hanno un patrimonio culturale ed artistico unico al mondo, proprio per questo la Commissione moda e turismo si è impegnata, durante il suo mandato in una maggiore valorizzazione dei beni artistici del nostro territorio. Queste ricchezze rappresentano una importante fonte di lavoro e sviluppo economico, ed anche per questo è di vitale importanza soddisfare in modo migliore le esigenze di coloro che visitano la nostra città. A tal fine sono state attivate diverse iniziative, volte all’ampliamento del percorso turistico ad aree non tradizionali. Sempre in questa ottica è stata attivata una iniziativa chiamata “Accoglienza nella trasparenza”, volta ad assicurare qualità, sicurezza e buone condizioni logistiche dei servizi offerti. Prevede il raddoppio dei mezzi di trasporto e l’istituzione di fermate in prossimità delle mete turistiche, la certificazione ed identificazione delle guide abilitate, attuata attraverso una campagna informativa che permetterà al turista di riconoscere senza difficoltà gli operatori abilitati. Del resto a chi non è capitato di ascoltare “presunte guide” nel racconto di aneddoti più o meno fantasiosi? Il fenomeno dell’abusivismo è molto diffuso in tutte le mete turistiche, ed in particolar modo nella nostra città. Ed è per questo che il Comune ha ritenuto necessario avviare anche attività di contrasto attraverso un aumento dei controlli. La polizia municipale, ha individuato durante il 2009 più di 500 guide abusive, a fronte delle 58 del 2008, raggiungendo un aumento dei controlli del 69%. Attualmente le procedure di abilitazione alla professione di guida turistica vengono gestite e disciplinate dalla Provincia. In merito a questo tema l’Italia deve promulgare una legge di recepimento della Direttiva Europea 2006/123/CE. Per conformità ai principi in essa stabiliti, è prevista l’acquisizione, da parte dell’operatore, di competenze di tipo multidisciplinare e la preservazione di una formazione di tipo specialistico in riferimento al territorio in cui si è chiamati ad operare. Infatti la guida non ha solo il compito di informare in merito ad aspetti storico architettonici, ma deve dare al turista una visone completa degli usi e costumi locali. Tuttavia il Ministero del turismo ha proposto una legge di modifica del sistema di abilitazione professionale, prevedendo l’istituzione di una guida nazionale. Questo potrebbe produrre operatori con un’approfondita conoscenza storico culturale della nazione ma con una formazione approssimativa rispetto ad aree specifiche. La città di Roma ha 200 mila beni censiti, questa legge danneggerebbe gravemente la qualità del servizio di informazione, che sarebbe inevitabilmente superficiale, verrebbero privilegiate le mete di maggior affluenza a svantaggio delle tante ricchezze presenti sul territorio, comportando anche, una diminuzione del periodo di permanenza del turista, fatto che graverebbe sullo sviluppo del nostro sistema economico. Forse Roma rappresenta un’eccezione, avendo una densità di beni superiore alla media, ed ha pertanto esigenze particolari rispetto ad altre aree geografiche in cui il patrimonio storico artistico è dislocato su fasce di territorio più ampie. Ma è proprio in considerazione delle esigenze specifiche che ciascuna area geografica ha, che sarebbe auspicabile una rivisitazione della proposta di legge.

Irene Giarracca


Leggi Ancora

Lascia una risposta