Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

ROMA. SCIPPO A BORDO DI UN AUTOBUS E FURTO DI CARBURANTE IN UN CANTIERE SVENTATI DA AGENTI DELLA QUESTURA

Postato da on lug 29th, 2011 e file sotto A.I. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Sono stati 2 agenti della Questura liberi dal servizio i protagonisti di due reati “sventati”. Nel primo caso l’obiettivo di due rumeni di 28 e 30 anni era il serbatoio di un camion parcheggiato all’interno di un cantiere edile in zona Trionfale. I due, verso mezzanotte, hanno forzato il lucchetto del cancello di ingresso e sono entrati nel cantiere di via Ronsecco. Ad insospettire un agente di Polizia, residente nella zona,  i rumori provenienti dal vicino cantiere. Il poliziotto ha deciso di andare a verificare che tutto fosse tranquillo. Ma arrivato davanti al cancello i suoi sospetti si sono rivelati fondati: il cancello era stato manomesso. E’ riuscito così a cogliere di sorpresa i due malviventi,   intenti a svuotare il serbatoio del camion e a  riversarlo dentro una tanica di plastica. I due rumeni, vistisi scoperti,  hanno tentato la fuga.  Ma il loro tentativo è andato a vuoto. Ormai alle strette,  hanno aggredito  l’agente con un “male e peggio”. Dopo una breve colluttazione il poliziotto è riuscito a bloccarli e a  disarmarli. M.P.B. e B.M.N.  sono stati arrestati per tentata rapina aggravata e resistenza a Pubblico Ufficiale. Nelle prime ore della serata di ieri, invece,  un poliziotto della Questura di Roma, terminato il turno di servizio, si è recato alla fermata dell’autobus in via Nazionale per rientrare a casa. Tra le persone in attesa un apparente passeggero che scrutava all’interno di tutte le linee che si fermavano per fare scendere e salire i passeggeri, destando l’attenzione dell’agente. Ad un tratto l’uomo è salito velocemente su un autobus dalle porte centrali.  Ancora più velocemente ha infilato la mano nella borsetta di una signora, estraendone il portafoglio, per poi riscendere come un fulmine e cercare di fuggire. Il poliziotto, qualificatosi, ha cercato di bloccare il ladro e nel corso di una colluttazione entrambi sono finiti a terra. Nonostante il malvivente si sia rialzato velocemente ed abbia iniziato a correre in direzione di piazza della Repubblica, l’agente ha continuato a seguirlo dando la nota al 113. Sono sopraggiunti i colleghi di una Volante inviati dalla Sala Operativa, che hanno bloccato il fuggitivo all’altezza di via De Pretis. Condotto negli uffici del Commissariato Viminale,  G.N.C. cittadino rumeno di 36 anni, al termine degli accertamenti è stato arrestato per rapina impropria ed il portafoglio rubato è stato restituito alla proprietaria.

 


Leggi Ancora

Lascia una risposta