Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Scioglimento della Giunta Capitolina: l’intervento del Senatore De Lillo

Postato da on gen 18th, 2011 e file sotto A.I. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lunedì 17 Gennaio, il Senatore Stefano De Lillo è intervenuto per esprimere la propria contrarietà allo scioglimento della Giunta Capitolina operato del Sindaco Alemanno. Si  è trattato di “un atto di tradimento nei confronti della precedente amministrazione, di un atto di autosfiducia, sconsigliatogli da tutti” ha dichiarato il Senatore.

Non solo una mossa politica sbagliata, ma un atto antidemocratico visto che sono stati estromessi esponenti politici con un ampio consenso popolare, anzi “più ampio di quello dei rappresentanti attualmente nominati” sottolinea l’esponente del Pdl, che aggiunge: “Faccio i miei più sinceri auguri alla nuova amministrazione, composta di persone di cui nutro una profonda stima” anche se non può fare a meno di notare l’incongruenza dettata dalla composizione del nuovo team di governo in cui sono entrati anche due personaggi politici che all’elezioni si schierano contro lo stesso Sindaco. Tornando a quanto accaduto, sottolinea come la mossa non trovi giustificazione in eventuali mancanze da parte della precedente giunta, sollevando ipotesi circa le  reali motivazioni che hanno indotto il Sindaco allo scioglimento dell’organo esecutivo, riferite ad un calo del consenso nei confronti del suo operato. “Si è trattato di un suggerimento sbagliato”, commenta il Senatore che esprime rammarico anche sul piano personale, ricordando quale sia stato il sostegno, suo e dell’ex Assessore Fabio De Lillo, al primo cittadino, una collaborazione ed un appoggio anche in termini di voti, visto il vasto consenso ottenuto alle elezioni dall’ex Assessore all’ambiente, che  a differenza di altri esponenti politici della stessa area, “è sempre rimasto fedele al partito”, anche all’epoca della giunta Veltroni, quando alcuni si lasciarono tentare dalle proposte del PD.

A prendere le distanze dalla politica Capitolina, aggiunge è grossa parte della politica; messaggi di solidarietà sono giunti da consiglieri municipali, regionali e quadri di partito. Questi ultimi in particolare hanno espresso una profonda insofferenza nei confronti dell’operato del Pdl romano, poco disposto a lasciare spazio a quanti esprimono il desiderio di dare seguito alla propria passione politica e alle loro opinioni.


Leggi Ancora

Lascia una risposta