Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

“Jean-Claude Izzo. Storia di un marsigliese” di Stefania Nardini

Postato da on dic 16th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

A dieci anni dalla sua scomparsa  Perdisa Pop pubblica “Jean-Claude Izzo. Storia di un marsigliese” di Stefania Nardini, la storia dello scrittore marsigliese autore della trilogia che ha come protagonista Fabio Montale, Casino totale, Chourmo, Solea, e dei romanzi “Marinai Perduti” e “Il sole dei morenti”.

Cinque libri che hanno conquistato migliaia di lettori in Francia e in molti paesi europei. Solo cinque libri perché Jean-Claude Izzo a 55 anni se ne è andato, lasciando un segno, non solo nella città a lui cara, Marsiglia, ma in tutti coloro che nei suoi testi hanno ritrovato sensazioni, emozioni, verità.

Poeta, giornalista, agitatore culturale e infine romanziere, la vita e l’opera di Jean-Claude Izzo s’intrecciano a formare un tracciato che è sì generazionale, ma si arricchisce di istanze personali, tanto da farne un percorso così originale da dovere essere raccontato. Il libro contiene alcune poesie di Izzo tradotte per la prima volta in Italia e alcuni brevi testi in prima pubblicazione mondiale.

L’autrice, Stefania Nardini, giornalista e scrittrice, è romana, innamorata delle due città dove ha trascorso parte della sua vita: Napoli e Marsiglia.  È autrice di “Roma nascosta”, Newton Compton, 1984, del romanzo “Matrioska”, storia di una cameriera clandestina che insegnava letteratura, Pironti, 2001. Nel 2009, sempre con Pironti, ha pubblicato “Gli scheletri di via Duomo”, noir ambientato nella Napoli anni ’70. Alcuni suoi racconti compaiono su internet e su riviste letterarie e antologie. Cura la pagina “Scritture & Pensieri” per il quotidiano dell’Italia centrale “Corriere Nazionale”.


Leggi Ancora

Lascia una risposta