Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Africa: imprenditori equi e solidali

Postato da on mag 27th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Ci sono intere zone dell’Africa dove si registra la totale assenza di servizi igienici, per cui la popolazione soddisfa le naturali esigenze fisiologiche lungo la strada, mentre per lavarsi si reca al pozzo o al fiume più vicino. L’idea di due imprenditori africani è stata quella di investire in un business per dare soluzione a questa situazione. Una mossa imprenditoriale, si, ma si può parlare di imprenditoria sociale.

Isaac Durojaiye, uno di questi, ha avviato la commercializzazione di bagni chimici in Nigeria, i primi nell’Africa occidentale, dislocati in diversi punti cruciali. Così, ad un costo irrisorio, accessibile anche ai più poveri, viene offerto un servizio che contribuisce notevolmente a ridurre problemi igienici in queste zone. Inoltre, dietro compenso, la gestione dei bagni è affidata a baby gangster, bande di giovani ragazzini che vivono di furti ed espedienti vari, che così vengono sottratti alla delinquenza. Parte dei ricavi viene, poi, rinvestito dall’imprenditore per fornire gratuitamente di bagni alcune scuole.

David Kuria, invece, in maniera originale ha pensato di mettere in piedi delle strutture in cui i bagni pubblici sono affiancati da negozi, così che i ricavi delle attività commerciali contribuiscano a sostenere le spese per la gestione dei bagni e al tempo stesso mantengano contenuti i costi per colro che ne usufruiscono.

Progetti imprenditoriali che varrebbe la pena di replicare anche altrove, visto e considerato che nel mondo ci sono ancora 2,5 miliardi di persone che non hanno accesso ai servizi igienici.

Fonti:  Tiscali News


Leggi Ancora

Lascia una risposta