Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Allarme nel mondo scientifico sulle cliniche che offrono trattamenti con le staminali: occorrono ancora altri studi

Postato da on set 6th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Le staminali, cellule non ancora specializzate e pertanto potenzialmente in grado di trasformarsi in qualsiasi altro tipo di cellula del corpo umano, sono proprio per questo oggetto di grande interesse da parte del mondo scientifico, dove gli esperti ne evidenziano l’utilità in campo medico, vista la possibilità di sfruttarle per la riparazione dei tessuti o per la riproduzione di specifici organi.

L’ostacolo più grande al loro reale impiego è rappresentato dal fatto che ancora non sono stati individuati metodi per evitare che tali cellule possano dare origine a tumori a causa di anomalie durante il processo di differenziazione.

Gli scienziati sostengono che saranno necessari ancora circa venti anni prima che gli studi approdino a risultati affidabili, tuttavia sono già molte in tutto il mondo le cliniche private che offrono trattamenti terapeutici con le staminali; una realtà che desta grandi preoccupazioni presso gli esperti, data la mancanza di sufficienti dati scientifici sull’utilizzo delle staminali e i gravi rischi ad esso connessi.

Il Prof. Peter Coffey, dell’University College di Londra, responsabile del progetto Cure per la cecità, sottolinea allarmato: “Queste strutture richiamano coloro che soffrono di diabete, sclerosi multipla, insufficienza cardiaca, malattia di Parkinson, l’autismo, l’HIV, problemi agli occhi, lesioni al midollo spinale e molto altro ancora.”

Si stima che già moltissime persone abbiano speso cifre addirittura superiori ai 20.000 euro per sottoporsi a trattamenti con le staminali, nonostante la mancanza di certezze scientifiche.

Proprio per questo la Società Internazionale per la ricerca sulle cellule staminali si è impegnata per la realizzazione di un sito web a carattere informativo, al fine di offrire ai pazienti dati reali sullo stato di avanzamento degli studi ed evidenziare i rischi altamente probabili attualmente ancora esistenti, in modo da scoraggiare le persone che pensassero di intraprendere uno di questi viaggi della speranza, che potrebbe invece rivelarsi fatale.

Fonti: Guardian


Leggi Ancora

Lascia una risposta