Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Amazzonia brasiliana: terre regolarizzate precluse agli stranieri

Postato da on ott 30th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Amazzonia

Amazzonia

Il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva ha firmato un decreto che proibisce a privati e aziende stranieri di comprare in Amazzonia gli appezzamenti di terra legalizzati attraverso il programma “Terra Legal”, un piano che risale allo scorso giugno, e che ha portato alla regolarizzazione di vasti terreni, ottenuta recuperando le acquisizioni illegali avvenute prima del 1° Dicembre 2004 all’interno di una superficie di 67,4 milioni di ettari. Il decreto odierno, pubblicato in gazzetta ufficiale ed entrato già in vigore, normalizza “Terra Legal”, stabilendo che i titoli dovranno essere acquistati da cittadini brasiliani o naturalizzati e non potranno essere rivenduti prima di 10 anni, per le estensioni da uno a quattro moduli fiscali, ovvero fino a 400 ettari di terreno, e prima di tre anni, per le estensioni comprese tra quattro e quindici moduli, cioè tra 400 e 1500 ettari. I titolari delle proprietà dovranno seguire e rispettare il programma di riforma agraria e non esercitare incarichi né all’interno dell’Incra, l’Istituto di Colonizzazione e Riforma Agraria, né del Ministero dello Sviluppo Agrario, né di altri organismi statali. Ad oggi risulta che almeno 3,6 milioni di ettari di terre brasiliane siano state acquistate da stranieri. Se si disponesse di una documentazione completa a livello regionale, la cifra potrebbe raggiungere i 5,5 milioni di ettari.

Fonte misna.org


Leggi Ancora

Lascia una risposta