Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Aperti nuovi interrogativi circa l’origine degli abitanti dell’Isola di Pasqua

Postato da on feb 7th, 2012 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

L’Isola di Pasqua, conosciuta anche come Rapa Nui, è stata per lungo tempo al centro di un acceso dibattito riguardo la provenienza della civiltà che l’ha colonizzata. L’isola si trova nell’Oceano Pacifico a circa 3.200 Km dalle coste dell’attuale Cile e a circa 4000 Km a nord delle isole della Polinesia. Fu colonizzata in due ondate successive a cavallo fra il 900 e il 1100 d.C., per questo le prime ipotesi sull’origine dei suoi colonizzatori tendevano a ritenere che fossero in parte provenienti dalle coste del Sud America ed in parte dalle isole dell’Asia orientale. Nel 1990 vennero fatte delle analisi genetiche sugli scheletri dell’epoca, che portarono a concludere che i primi abitanti fossero di origine polinesiana. Tuttavia un recente studio condotto dall’immunologo Erik Thorsby dell’Università di Oslo, ha gettato nuovi interrogativi su un possibile incontro dei due popoli. L’equipe è andata alla ricerca di marcatori genetici che  indicassero un’unione con le popolazioni Sud americane, e in effetti sono stati rinvenuti dei cromosomi trasmessi all’individuo da parenti prossimi, propri dei nativi americani.

La nuova teoria vuole che gli indigeni dell’Isola di Pasqua siano riusciti, intorno al 1400-1500, a navigare verso le coste del Sud America, tornando in compagnia di alcuni nativi americani. L’ipotesi è supportata dal fatto che all’arrivo degli europei, i polinesiani venivano trasportati in America e fatti schiavi. Però, spiega il Professor Terry Hunt dell’Università di Manoa alle Hawaii, non è possibile stabilire con certezza quale sia la verità  perché i due fenomeni sono avvenuti in un lasso temporale molto ravvicinato.


Leggi Ancora

Lascia una risposta