Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Batterio Killer: Hamburger è IV emergenza tedesca in 1 anno

Postato da on giu 16th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Con la notizia che gli hamburger sospettati sono fatti con carne tedesca salgono a quattro le emergenze alimentari nate in Germania nell’ultimo anno che hanno messo in allarme l’intera Europa. E’ quanto afferma la Coldiretti in rifermento al ricovero in ospedale di sei bambini in Francia per una presunta infezione determinata dal consumo di hamburger surgelati di marca “Steaks Country” venduti nell’ipermercato Lidl, ma prodotti da carne tedesca. Esattamente un anno fa, a giugno 2010, è stata trovata in Italia – sottolinea la Coldiretti – la prima mozzarella blu proveniente dalla Germania  nonostante fosse venduta con marchio “Malga Paradiso” in diversi discount.  I sequestri su tutto il territorio italiano hanno riguardato le mozzarelle a marchio “Land” (vendute da Eurospin), “Lovilio” (vendute da Lidl) e “Malga Paradiso” (vendute da MD discount), tutte prodotte in Germania dalla ditta Milchwerk Jager Gmbh & Co. Il fatto che la scoperta dell’alterazione sia avvenuta in Italia e non in Germania dove la mozzarella viene prodotta è significativo – sostiene la Coldiretti – della capillarità dei controlli sul mercato nazionale dei prodotti alimentari e dei ritardi colpevoli della Germania. All’inizio del mese di gennaio 2011 è scoppiato lo scandalo dei mangimi alla diossina che hanno contaminato allevamenti di polli, uova e maiali venduti in tutta Europa. La societa tedesca di mangimi animali al centro dello scandalo diossina sembra sapesse fin dal marzo precedente che – ricorda la Coldiretti – vi era una quantità di diossina 78 volte superiore ai limite legale nei grassi presenti nei mangimi. Anche il caso del batterio killer Escherichia coli dopo il tentativo di accusare ingiustamente la Spagna è apparso chiaro – conclude la Coldiretti – che è nato e si è diffuso in Germania anche se non sono ancora stati chiariti i motivi e l’origine. L’Italia ha importato prodotti agroalimentari dalla Germania per un valore di 5,5 miliardi di euro nel 2010 che – conclude la Coldiretti – è lo stesso importo fatto segnare dalla Francia che rende i due paesi i principali fornitori di prodotti agroalimentari dall’Italia.


Leggi Ancora

Lascia una risposta