Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Berlusconi: “Inaccettabile il partito del sud” In arrivo il piano per il mezzogiorno

Postato da on lug 31st, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

ROMA – La frase ha il vago sapore della scomunica. “Extra ecclesiam, nulla salus”. Citazione latina con cui, in sostanza, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi blocca sul nascere qualsiasi velleità scismatica del suo ex fedelissimo Gianfranco Micciché (l’artefice del 61 a zero in Sicilia durante le politiche del 2001) e del governatore siciliano Raffaele Lombardo. “Non possiamo accettare qualcosa che anziché andare verso l’aggregazione del centrodestra prende alcune forze del Pdl e le porta fuori”.

Per il premier un partito del sud “non ha ipotesi di successo, non ci può essere un partito che trae origine dal Pdl. Sarebbe un controsenso”. Se per i “ribelli” il Cavaliere riserva il bastone, al resto del centrodestra porge la carota. “Non ho mai avuto una maggioranza così coesa”. E sulla crisi economica: “Ha ragione Obama, il catastrofismo è nemico della ripresa, ci sono segnali di decelerazione della crisi”.

“Figli e figliastri”. Alle regioni del Sud, insomma, ci pensa il Popolo delle Libertà, con la creazione di un ente che “faccia della questione meridionale una questione nazionale” e con una banca del sud. Il premier ha reso noto che le linee generali per il sud saranno illustrate domani: “Un piano che verrà alla luce dopo studi e diversi approfondimenti”. Si parla di quattro miliardi, ma solo per la Sicilia. E già protestano le altre regioni del Sud. Il presidente della Basilicata, Vito De Filippo, parla di “figli e figliastri”.

Sbloccati i fondi per il meridione. Domani il Cipe delibererà stanziamenti di 4 miliardi per le infrastrutture. Il principio di base è che “i fondi saranno destinati soltanto a progetti precisi e già definiti” e, soprattutto, soltanto in conto capitale. Molto peso è stato poi dato ai 138 progetti “già definiti dal ministro per le infrastrutture Altero Matteoli per il Sud”, a partire da quello per il ponte sullo Stretto.

L’incontro con i parlamentari siciliani. Già stamattina, a una riunione a Palazzo Grazioli, il Cavaliere aveva illustrato il suo piano per il Sud. “Mancavano quelli che hanno posto un ricatto, visto che non hanno votato la fiducia sul decreto legge anti-crisi alla Camera”. ha detto il senatore Antonio D’Alì, lasciando Palazzo Grazioli. Nel corso della riunione – ha detto il senatore Domenico Nania – si è parlato anche “dell’emergenza rifiuti in Sicilia che potrebbe aggravarsi come in Campania”.

“Prima il cammello, poi il tappeto”. La Lega guarda con sospetto all’attivismo meridionalista del Pdl. “Prima bisogna conoscere i progetti”, è stato il commento del ministro delle Riforme Umberto Bossi. “Se non si risolve la questione del Sud – ha detto all’ANSA il ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli – non si risolve nemmeno la questione settentrionale. Però prima vogliamo vedere il cammello e poi diamo il tappeto. Insomma aspettiamo di conoscere i contenuti del progetto”.

Il Pd attacca. “I soldi che Berlusconi ha promesso a Lombardo, 4 miliardi, fanno parte di quei 27 miliardi dei fondi Fas regionali – ha detto Anna Finocchiaro, presidente dei senatori del Partito Democratico – quindi non c’e nessun nuovo stanziamento perchè sono fondi previsti dal 2007. Di che cosa parla allora Berlusconi?”.


Leggi Ancora

Lascia una risposta