Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Berlusconi si leva dall’imbarazzo e pone la fiducia

Postato da on ott 13th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

“ Parlare di sfiducia è improprio” questo l’incipit del discorso tenuto oggi dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, in riferimento ai fatti avvenuti ieri, quando il Parlamento si è trovato a votare l’Assestamento di Bilancio 2010 e capitoli di spesa relativi al 2011.

Si potrebbe pensar male, ipotizzare che vista la frammentazione manifestata ieri dalle forze di maggioranza il Premier non abbia più i numeri per governare, ma non è così: il disaccordo è stato su “un atto di rendiconto contabile”, aspetto meramente tecnico che, sottolinea il Premier, non può avere alcuna conseguenza sul piano politico-istituzionale. Il Presidente precisa poi che quando un governo perde la fiducia è necessario e doveroso passare la parola agli elettori, così decide di procedere a un atto di verifica, il 53° per la precisione, che si terrà domani. L’Italia è in una situazione difficile per questo sarebbe del tutto improprio ricorre a un governo di unità nazionale, un governo meramente tecnico che non si assumerebbe mai l’onere di prendere decisioni impopolari che tuttavia in questo momento potrebbero fare le sorti dell’Italia. La fiducia c’è, il Presidente della Repubblica svolge il suo ruolo in modo impeccabile, solo una maggioranza votata dagli elettori può portare il Paese fuori dalla crisi, questa la posizione del Presidente del Consiglio.

Fonte: Adnkronos.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta