Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Cambiamenti climatici e calamità naturali ne siamo sicuri?

Postato da on ott 16th, 2012 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

 

E’ vero che oggi ci sono più cicloni che in passato? Oppure questa impressione dipende dal fatto che ne sentiamo parlare di più attraverso i media e riusciamo ad individuarli attraverso i satelliti? Nuove ricerche presso il Niels Bohr Institute mostrano chiaramente che i cicloni aumentano quando il clima è più caldo. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Proceedings of the National Academy of Sciences. Come è possibile esaminare le differenze rispetto al passato se non ci sono dati al riguardo? Oggi i cicloni sono monitorati dai satelliti che registrano con accuratezza il loro evolversi e la loro direzione, ma sono solo 40 anni che siamo in grado di farlo. Precedentemente venivano osservati da navi o aerei ma non in modo continuo. Se si vogliono avere informazioni dettagliate riguardo la frequenza con la quale si manifestano i cicloni è necessario andare molto indietro nel tempo, per questo Aslak Grinsted scienziato del Center for Ice and Climate del Niels Bohr Institute presso l’Università di Copenhagen ha voluto andare alla ricerca di centri che abbiano tenuto un registro di fenomeni affini nel corso dei decenni. I cicloni tropicali generalmente si formano nell’Oceano Atlantico e si muovono verso la costa orientale degli Stati Uniti o verso il Golfo del Messico. L’equipe di ricerca ha raccolto i dati sui livelli delle mare registrati dal 1923 da una stazione di monitoraggio che si trova sul litorale orientale. Questi dati hanno permesso di accertare la correlazione fra il livello del mare e le tempeste tropicali avvenute in passato. Con questa scoperta lo scienziato danese ha potuto realizzare delle statistiche, constatando che effettivamente dal 1923 si è verificato un significativo incremento nella loro frequenza. Grazie ad una collaborazione con la Cina e la Gran Bretagna è stato poi analizzato l’andamento della temperatura dai primi del ‘900. Nel corso di un secolo, e precisamente dagli anni ’80 la temperatura è aumentata di 0.7° C. Gli scienziati hanno poi accertato che durante i periodi più caldi ci sono stati un maggior numero di cicloni. Non tutti però hanno lo stesso grado di pericolosità, quelli come Katrina che nel 2005 distrusse la città di New Orleans facendo migliaia di vittime, si verificano ogni 10 – 30 anni, tuttavia una cosa è certa: quanto più il clima è caldo tanto più raddoppia la frequenza del fenomeno. 

Fonte: ScienceDaily.com

 


Leggi Ancora

Lascia una risposta