Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Carta identità elettronica: Anci a Maroni, necessario confronto in Stato-Città

Postato da on mag 31st, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

“Un confronto urgente, nell’ambito della Conferenza Stato-Citta’, nel quale rappresentare le istanze dei Comuni italiani in vista dell’emanazione del DPCM sull’unificazione della Carta d’Identita’ Elettronica con la Tessera Sanitaria e il rilascio gratuito del documento unificato e del Decreto ministeriale atto a stabilire le modalita’ tecniche di produzione, distribuzione e gestione del documento unificato”. E’ questa la richiesta contenuta nella lettera che il Presidente dell’ANCI, Osvaldo Napoli inviato al Ministro dell’Interno, Roberto Maroni.

Dopo aver ricordato che “l’art. 10, commi 1-6, del D.L. 70/2011 (cd Decreto sviluppo) introduce significative novita’ in materia di obbligatorieta’, validita’ e modalita’ di rilascio della Carta d’Identita’ Elettronica, con relativo intervento negli ambiti dei doveri del Sindaco e del responsabile del procedimento amministrativo anagrafico”, Napoli evidenzia che “tali modificazioni prefigurano un impatto di notevole portata sulle funzioni e l’organizzazione dei Comuni italiani, in uno degli ambiti di responsabilita’ principale dell’azione amministrativa municipale”.

“Come e’ noto – aggiunge – un numero significativo di Comuni e l’ANCI hanno accompagnato fin dall’inizio l’evoluzione della Carta d’Identita’ Elettronica, con piu’ di 130 amministrazioni che hanno profuso un notevole impegno nel corso delle due fasi di sperimentazione fin qui svolte. E’ dunque interesse dell’ANCI verificare le condizioni di applicazione delle novita’ previste dal dettato normativo contenuto del D.l. 70/2011, anche per salvaguardare nella maniera piu’ adeguata e condivisa gli investimenti fatti finora dal Governo e dagli Enti locali”.


Leggi Ancora

Lascia una risposta