Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Cinema Trevi: omaggio a Luciano Emmer

Postato da on ott 15th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Luciano Emmer

Luciano Emmer

Roma, 15 ottobre. A un mese dalla scomparsa di Luciano Emmer, regista e sceneggiatore milanese, la Cineteca Nazionale gli dedica una retrospettiva al cinema Trevi, offrendo una riedizione del documentario su Picasso e una versione restaurata e integrale di “La ragazza in vetrina”, che ai tempi era stato censurato. Emmer, uomo schivo ma diretto, è stato un cineasta raffinato e signficativo. Scopre il cinema all’età di cinque anni e al liceo studia con Dino Risi. Nell’immediato dopoguerra dirige vari documentari, in particolare sul tema dell’arte; indimenticabile, nel documentario su Predappio, la frase: “Non eravamo più ignari del dolore e della morte”. Il suo primo film è del 1950: “Domenica d’agosto”, una commedia che, in pieno neorealismo, scardina le regole del racconto. Dopo dieci anni Emmer lascia il cinema, deluso dal potere della censura, dall’ipocrisia morale dei politicanti, e dall’indifferenza degli intellettuali e lavorerà in televisione. Riflettendo sulla sua carriera di regista affermerà: “La storia del cinema alla mia maniera è la storia di uno che anziché fare l’idraulico ha fatto il cinema. Cioè un mestiere. La gente lo piglia per chi sa che cosa. Io non l’ho mai considerato di più. I film lasciano tracce forti? Come i rubinetti buoni, che fanno la tranquillità di una famiglia. Se un rubinetto funziona per quattro o cinque anni, è stato riparato bene. Ma poi, chi decide se si fa bene o male un film?”.

Programma:
ore 17.00
Terza liceo (1954)

ore 18.45
Basta! Adesso tocca a noi (1990)

a seguire
Incontrare Picasso (2000)

ore 21.30
La ragazza in vetrina (1961)

Fonte cinemadelsilenzio.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta