Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

City Island

Postato da on lug 6th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Vince Rizzo (Andy Garcia) è una guardia carceraria, vive a City Island, una piccola isola abitata storicamente da famiglie di  pescatori a ridosso del Bronx. Vince vive nella casa di famiglia con la moglie Joyce alias Julianna Margulies  e i due figli, Vivian (Dominic Garcia-Lorido),  studentessa universitaria tornata a casa per le vacanze pasquali e Vinnie Jr (Ezra Miller), un adolescente dalle eccentriche fantasie sessuali.

Tutta la vicenda ruota intorno a verità nascoste che stanno logorando la serenità familiare. Vince è un uomo di mezza età che nonostante il lavoro e la famiglia non vuole rinunciare alla sua passione per il teatro e la recitazione, non ha però il coraggio di svelare alla moglie questo suo piccolo segreto e così le racconta delle bugie per poter frequentare il corso. E’ ad una lezione di recitazione che incontrerà Molly Charlesworth ( Emily Mortimer), anche lei studentessa di recitazione con grandi segreti da nascondere, che legata al protagonista da molteplici similitudini si trasformerà nella sua confidente e sostenitrice. L’amore per il teatro è il più innocente dei segreti di Vince, che in verità non è solo il padre di Vivian e Vinnie ma anche di Tony Nardella (Steven Strait).  Durante una normale giornata di lavoro scorrendo la lista dei detenuti nota il nome del figlio abbandonato alla nascita, il senso di colpa prevale e decide di garantire per lui, a questo punto Tony viene rilasciato ma è costretto a vivere con la guardia carceraria che tanto gentilmente si è adoperata per lui. Vince infatti non ha svelato a nessuno il rapporto di parentela che lo lega a Tony. I segreti non finiscono qui, in realtà Vivian ha perso la borsa di studio per il College ma non ha il coraggio di raccontarlo ai genitori e per pagarsi gli studi inizia a fare la spogliarellista mentre Vinnie Jr ha una passione smodata per le donne extra large. Quest’ultima opera di Reymond De Felitta, regista e sceneggiatore si potrebbe definire una neo commedia degli equivoci; equivoci che mantengono alta la tensione per tutta la durata del film e che grazie alle ottime interpretazioni dei protagonisti suscitano le gustose risate del pubblico. Un riconoscimento speciale va a Ezra Miller che nonostante l’età e la minore esperienza risulta veramente divertente. Il finale melenso e retorico  calza perfettamente con il resto della trama che non pretende alcuna serietà e che nel complesso offre allo spettatore un paio di ore di spensieratezza e divertimento.


Leggi Ancora

Lascia una risposta