Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Coldiretti, apre primo salone inganni a tavola

Postato da on giu 21st, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Dalle mozzarelle senza latte al concentrato di pomodoro cinese avariato e “spacciato” come Made in Italy fino al prosciutto ottenuto da maiali olandesi e venduto come nazionale con tanto di fascia tricolore, ma anche grandi marchi di vini contraffatti, olio di semi imbottigliato  come extravergine o Chianti prodotto in California.  Sono questi alcune “curiosita’ esposte nel “Salone degli inganni” aperto dal Presidente della Coldiretti Sergio Marini a Palazzo Rospigliosi a Roma in occasione della presentazione  il primo Rapporto sui crimini agroalimentari in Italia realizzata da Coldiretti e Eurispes. Si va dai reperti sequestrati nell’ambito delle operazioni antifrode delle forze dell’ordine Carabinieri dei Nas, il Corpo Forestale dello Stato e l’Ispettorato Repressioni e Frodi come il vino con marchi inesistenti o il miele con l’aggiunta illegale di zucchero, agli inganni scovati dalla Coldiretti in Italia e all’estero. Il fatto che in Italia sono state importati 63 milioni di cosce di maiali dall’estero a fronte di una produzione di 26 milioni di cosce sta a significare che tre prosciutti su quattro venduti in Italia in realtà derivano da maiale allevati all’estero anche se agli occhi del consumatore sembrano tutti italiani.  Secondo i dati forniti dalla Coldiretti inoltre ben una mozzarella su quattro non deriva direttamente dal latte ma da cagliate, un semilavorato industriale spesso importato dall’estero, come pure i formaggini che sono stati ottenuti da polvere di caseina e formaggi fusi. La situazione non migliora nel comparto vegetale dopo che nel 2010 – secondo la Coldiretti – sono stati importati ben 115 milioni di chili di concentrato di pomodoro, il 15 per cento della produzione nazionale, destinati ad essere esportati come Made in Italy. E proprio concentrato di pomodoro cinese è stato sequestrato dai carabinieri dei Nas che hanno messo a segno operazioni che riguardano anche olio di semi con l’aggiunta di clorofilla spacciato per olio extravergine d’oliva, miele contraffatto con l’aggiunta di zucchero pronto per essere venduto come miele italiano con gravi rischi per la salute nel caso di consumo da parte di inconsapevoli acquirenti diabetici. E non mancano neppure falsi prosciutti di Parma Dop. Latte, biscotti e succhi cinesi contenenti melamina e, dunque, pericolosi per la salute dopo lo scandalo che in Cina ha portato alla morte di numerosi bambini, sono stati scoperti dagli uomini del Corpo Forestale di Stato, i quali hanno sequestrato anche prodotti di qualità contraffatti come la Mozzarella di Bufala Dop, l’aceto balsamico di Modena Igp o il pregiato vino Amarone Doc. L’Ispettorato centrale per la repressione delle frodi ha invece portato alla luce false bottiglie di vino Chianti e barattoli di pomodoro San Marzano fasulli, e persino bottiglie di vino con il nome di ditte inesistenti. Ma – sottolinea Coldiretti – a fare danni è anche il fenomeno dell’italian sounding, i prodotti che ricordano nel nome o nella confezione il Made in Italy che non hanno nulla a che fare con il sistema produttivo nazionale. Un giro d’affari che supera i 60 miliardi di euro all’anno (164mln al giorno), due volte e mezzo il valore dell’export agroalimentare. Secondo il rapporto Coldiretti-Eurispes, per riportare in pari la bilancia del commercio con l’estero basterebbe recuperare quote di mercato per appena il 6,5% del valore dell’italian sounding. Alcuni esempi di questo fenomeno sono stati esposti nel Salone degli inganni allestito da Coldiretti a Palazzo Rospigliosi. Si va dal Pesto spicy thai proveniente dalla Thailandia all’olio Pompeian oil prodotto in Usa, dal vino Chianti fatto nella Napa Valley, in California, al formaggio Queso Mozzarella statunitense, fino al Parma Salami messicano. Tutti esempi di prodotti richiamanti il Made in Italy ma che – conclude la Coldiretti – non hanno nulla a che fare con il vero prodotto italiano.


Leggi Ancora

Lascia una risposta