Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Confagricoltura apprezza intervento antitrust sulla formazione prezzi all’ingrosso nel settore cunicolo

Postato da on giu 28th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Confagricoltura valuta con interesse il parere dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che, esaminando le modalità di formazione dei prezzi nel settore cunicolo, sollecita la formalizzazione da parte del Parlamento, della Presidenza del Consiglio e del ministero delle Politiche agricole, “di un’iniziativa normativa volta ad istituire una metodologia ed una sede centralizzata di definizione dei prezzi che superi le attuali inefficienze e le attuali logiche localistiche”. Le valutazioni dell’Antitrust, sottolinea Confagricoltura, appaiono importanti anche al di là del settore cunicolo, poiché rimarcano la necessità – da sempre sostenuta dall’Organizzazione degli imprenditori agricoli – di superare le logiche territoriali e “di rendere più trasparente e neutrale il meccanismo di definizione dei prezzi alla produzione, oltre a ribadire la necessità di un maggiore grado di concorrenzialità nelle contrattazioni ed un ancoraggio a più oggettivi indicatori di mercato”.

Osserva Confagricoltura: “Quelle dell’Antitrust sono considerazioni che vanno al di là del settore cunicolo e sulla cui corretta applicazione si dovrebbe riflettere in relazione a molti settori, partendo da quelli per i quali sono già operative le Commissioni uniche nazionali, allo  scopo di monitorare, tutelare e rendere trasparente il mercato”.“Per far funzionare le Cun occorrono – conclude Confagricoltura – la formalizzazione di corretti rapporti tra le parti e, soprattutto, la volontà di definire settimanalmente in modo anticipato, equilibrato e trasparente le tendenze del mercato ed i relativi prezzi, mettendo in conto l’esigenza di una corretta ripartizione dei rapporti economici all’interno di tutta la filiera”.

 


Leggi Ancora

Lascia una risposta