Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Cooperazione Libano: si punta sulle enrgie rinnovabili

Postato da on mag 27th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Giovedì 26 maggio l’Ambasciatore Italiano in Libano, Giuseppe Morabito, e il Ministro libanese dell’Ambiente, Mohammad Naji Rahal, hanno partecipato alla cerimonia di ufficializzazione di 57 siti scelti per l’istallazione di pannelli solari nell’ambito dell’iniziativa “Mitigazione del Cambiamento Climatico – Energie Rinnovabili” finanziata dalla Cooperazione Italiana per un valore di 1 milione di Euro.

Scopo dell’iniziativa, in linea con il piano programmatico del Ministero libanese dell’ambiente (MOE) per il biennio 2010-2012, è quello di rafforzare i servizi di lotta e mitigazione del cambiamento climatico, attraverso interventi mirati a promuovere ed incentivare l’uso di sistemi solari termici idonei a ridurre/eliminare il bisogno di energia elettrica per la produzione di acqua calda sanitaria. L’intervento permetterà altresì il potenziamento del MOE termini digestione delle tematiche relative al cambiamento climatico e capacità di risposta ai bisogni energetico / ambientali del Libano.

Nello specifico, il progetto provvederà all’installazione, in edifici pubblici o di pubblica utilità tra cui ospedali, orfanotrofi, case di cura e prigioni, di oltre 900 unità termiche solari, il cui risultato porterà una riduzione della domanda energetica pari a 677 MW/annui e una diminuzione in Co2 di oltre 500 tonnellate per anno.

Nel suo intervento l’Ambasciatore Morabito ha dichiarato che “è dovere di tutti massimizzare l’uso delle risorse naturali a nostra disposizione, sfruttando le forme di energia rinnovabili quali il solare, l’eolico e l’energia idrica e, soprattutto, sensibilizzare le nuove generazioni circa l’importanza di una maggiore razionalizzazione delle risorse”.

Fonte: ministero degli esteri


Leggi Ancora

Lascia una risposta