Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Corrieri della droga pronti a partire per la Spagna con oltre 100 ovuli, scoperti e arrestati

Postato da on feb 14th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Erano pronti per partire alla volta della Spagna con un carico di 100 ovuli contenenti hashish. Arrestati dalla Polizia di Stato quattro cittadini stranieri (uno Spagnolo e tre Ucraini) per detenzione ai fini di spaccio internazionale di sostanza stupefacente.
Gli agenti del Commissariato Viminale, diretto dal dr. Carmine Belfiore, hanno notato il quartetto confabulare dapprima nei pressi di un’agenzia viaggi di via Solferino e poco dopo di fronte ad un’altra situata all’interno della stazione.
Insospettiti gli agenti hanno effettuato immediatamente degli accertamenti. I tre cittadini ucraini avevano acquistato un biglietto aereo con destinazione Malaga nella prima agenzia mentre il cittadino spagnolo ne aveva acquistato uno per lo stesso giorno e per lo stesso volo nella seconda.
Sempre più convinti che i quattro stessero per organizzare qualcosa di illecito, i poliziotti non li hanno persi di vista un solo istante.
La svolta è giunta quando lo spagnolo e gli ucraini si sono separati per recarsi nei rispettivi alberghi situati nelle vie limitrofe della stazione ferroviaria, via Palestro e via Milazzo.
In considerazione del fatto che in passato alcune strutture ricettive della zona erano la metà preferita di corrieri della droga soliti ingerire ovuli contenenti sostanza stupefacente per attraversare indenni le dogane, gli investigatori sono passati all’azione, fermando per un controllo lo spagnolo.
Dopo aver rinvenuto e sequestrato un grammo di hashish nascosto in un pacchetto di sigarette, 1430 euro in contanti all’interno del portafoglio e un il biglietto aereo per la Spagna, gli agenti hanno effettuato la perquisizione della sua stanza d’albergo in via Palestro.
All’interno della cassaforte 100 ovuli contenenti più di un chilo di hashish e 13.000 euro in contanti.
Immediata una visita ai cittadini ucraini in via Milazzo. Il tentativo dei tre di bloccare la porta per impedire l’ingresso agli investigatori è stato vano.
All’interno della stanza sono stati rinvenuti 195 grammi di hashish contenuta in 19 ovuli, i tre biglietti aerei e oltre 1000 euro in contanti.
I poliziotti non escludono che altra sostanza sia stata gettata nel water dal momento che al loro arrivo uno dei tre è stato trovato nel bagno con una bustina in mano.
Condotti negli uffici del Commissariato Viminale, al termine degli accertamenti , F.J.R.H. spagnolo di 28 anni e i tre ucraini residenti in Spagna, M.B. di 42 anni, R.S. di 44 anni e D.D. di 30 anni, responsabili in concorso tra loro di detenzione ai fini di spaccio internazionale di sostanza stupefacente.


Leggi Ancora

Lascia una risposta