Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Cosa accade quando si prende troppo sole?

Postato da on lug 16th, 2012 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Quando vediamo qualcuno con la pelle arrossata sappiamo con certezza che ha passato del tempo sotto il sole. Ma perché il sole produce questo effetto sulla nostra pelle? Un gruppo di ricercatori hanno studiato gli effetti di questa reazione scoprendo che le cellule attivano un segnale molecolare che innesca la scottatura.

Quando le cellule della nostra pelle sono esposte ai raggi ultavioletti (UVB), uno specifico tipo di RNA, chiamato micro RNA viene danneggiato (l’RNA è una struttura simile al DNA che produce geni). Questo danno all’RNA è rilasciato per segnalare il danno prodotto dal sole, in tal modo le cellule sane innescano il processo infiammatorio. Questi meccanismi servono per rimuovere le cellule danneggiate dal sole che altrimenti potrebbero diventare cancerogene. Le cellule della nostra pelle individuano quelle danneggiate  dal fatto che rilasciano RNA danneggiato – ha spiegato il Dott. Richard Gallo, Professore di medicina dell’Università della California alla San Diego School.

La ricerca suggerisce che le molecole di RNA danneggiato fungono da marcatori per le malattie causate dalle radiazioni. La scoperta forse avrà implicazioni in ambito medico. Per esempio il trattamento della psioriasi prevede l’esposizione ai raggi UV. Se la luce può alleviare i sintomi può allo stesso tempo incrementare il rischio di cancro alla pelle. Invece grazie a questa scoperta in futuro certe molecole di RNA potrebbero essere usate al posto dei raggi UV e produrre gli stessi benefici. La scoperta potrebbe riguardare anche le persone con malattie autoimmuni che provocano  reazioni identiche alle ustioni solari solo a seguito di una lieve esposizione ai raggi UV. Arrestare il pathway del micro RNA potrebbe essere un modo per ridurre l’infiammazione in questi pazienti.

Fonte: NatureMedicine


Leggi Ancora

Lascia una risposta