Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Così ci permettono di rimanere in Italia?

Postato da on feb 5th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Dopo i punti per la spesa, i punti premio per i viaggi, adesso arrivano anche i punti per il permesso di soggiorno. Questa la proposta del Governo sul fronte immigrazione; l’idea è quella di fissare un tetto di 30 crediti da raggiungere nell’arco di due anni, al termine dei quali, se sarà stato raggiunto il punteggio massimo previsto, si potrà ottenere il permesso di soggiorno. I requisiti necessari per  accumulare punti sarebbero: la conoscenza della Costituzione e della lingua italiana, l’iscrizione al servizio sanitario e il possesso di un regolare contratto di affitto e di lavoro. Eventuali coinvolgimenti in reati comporterebbero una pesante detrazione di punti.

Il provvedimento, elaborato dal Ministro dell’Interno Roberto Maroni e dal Ministro del Welfare Maurizio Sacconi, secondo quest’ultimo, è finalizzato a favorire il processo di integrazione degli stranieri che, in tal modo, verrebbero responsabilizzati; mentre per l’opposizione si tratterebbe dell’espressione di una politica xenofoba.

Fonti: Corriere della Sera


Leggi Ancora

Lascia una risposta