Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Dall’Unicef un’idea originale per trasformare le bomboniere in aiuti umanitari

Postato da on lug 22nd, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Se c’è una cosa che può mettere in crisi una coppia in procinto di sposarsi (per essere più precisi, generalmente è la futura sposa a farsene un cruccio), è la scelta delle bomboniere: troppo piccola, troppo grande, ma sopratutto, quale utilità può avere?

Nella maggior parte dei casi, impossibile dare una risposta sensata a questo quesito (infondo a cosa può servire l’ennesimo oggettino che andrà a riempire le mensole delle case degli invitati, se non a procurare un esaurimento a chi si occupa delle pulizie?). Ma visto che proprio non si può rinunciare a consegnare agli ospiti un ricordo del lieto evento, perché non optare per qualcosa che davvero può rivelarsi utile?

Ci pensa l’Unicef. Niente soprammobili inutili, niente ridicole cornici, soltanto una pergamena personalizzata con il nome degli sposi e la data del matrimonio, il cui costo viene devoluto a sostegno di progetti di aiuto umanitario. E se si pensa soli 20 euro sono sufficienti per offrire ai bambini dei paesi in via di sviluppo alimenti ricchi in proteine, minerali e vitamine utili per prevenire infezioni e gravi problemi di salute, si comprende come il matrimonio possa rivelarsi anche un’occasione socialmente utile.

Fonti: Unicef


Leggi Ancora

Lascia una risposta