Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Definitivo stop Italiano alle coltivazioni OGM

Postato da on mar 19th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Luca Zaia

Luca Zaia

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Luca Zaia, ha oggi voluto firmare pubblicamente un decreto che sancisce in via definitiva uno stop italiano alla coltivazione di prodotti geneticamente modificati. E’ stata una scelta presa all’unanimità, dalla Commissione prodotti sementieri geneticamente modificati composta da rappresentanti del Ministero delle politiche alimentari agricole e forestali, del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, nonché da rappresentanti del Ministero della Salute.

Si è agito in nome della collettività nel rispetto del volere del 75% della popolazione, ha affermato il Ministro durante la Conferenza Stampa. In Italia abbiamo più di 4.500 specie diverse di prodotti tipici, ed è proprio sulla qualità di questi prodotti che puntano i nostri agricoltori. Gli OGM da questo punto di vista, non portano alcun vantaggio. Alla borsa di Chicago 1 tonnellata di mais Ogm viene venduto a 101 euro, nella borsa europea 1 tonnellata di mais vale 146 euro. Inoltre viene spiegato durante la conferenza, il vero guadagno dell’OGM non risiede nella sua produzione, bensì nella brevettazione delle sementi e dei successivi ibridi, infatti in Europa dove la loro coltivazione è ammessa, coprono unicamente l’1% della produzione totale. L’attacco contro i pro-OGM non si arresta certo con queste considerazioni, il Ministro si rivolge anche a quanti si giustificano dietro il valore umanitario di queste produzioni. Non si tratta di una risposta alla fame nel mondo, visto che, conclude Luca Zaia, non vi è alcun patto in cui è sancito che in una condizione di sovraproduzione i prodotti alimentari vengono devoluti gratuitamente ai pvs. Coltivare OGM vuol dire inoltre incorrere nel rischio di contaminazione di OGM-free, a meno che non vengano adottate adeguate precauzioni, che allo stato attuale non sembrano esistere.


Leggi Ancora

Lascia una risposta