Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Digitale terrestre: una proposta di regolamentazione dei canali

Postato da on feb 16th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

digitaleFinalmente a casa. Dopo una lunga giornata di lavoro, dopo essersi imbattuti nelle nevrosi del traffico cittadino, dopo aver subito le angherie del collega di turno, dopo tutto questo, eccoci pronti per un po’ di meritato riposo.

Telefoni spenti, telecomando in mano… comincia la serata: che ci sarà in televisione?

Con l’avvento del digitale i canali sono ormai tanti, le proposte anche, ma come poterle vagliare tutte senza addormentarsi prima di aver completato la carrellata? Questo il rischio che corrono i canali relegati alle numerazioni più alte, di rimanere completamente sconosciuti al grande pubblico, che a seguito di ore passate sul computer non ha certo voglia di trasformare l’unico momento di relax della giornata in una caccia al tesoro; così trasmissioni anche molto interessanti non possono godere della visibilità che meriterebbero. Proprio per questo è necessaria una precisa regolamentazione in merito all’ordinamento dei canali in TV, per evitare condizioni di disparità fra i vari operatori, per attenuare la centralità delle prime numerazioni che necessariamente va a scapito delle ultime.

L’Antitrust si esprime sull’argomento, evidenziando l’opportunità di elaborare un criterio organizzativo per aree tematiche, il ché garantirebbe la possibilità di sviluppare audience anche a quei canali che altrimenti finirebbero nel dimenticatoio.

Fonti: Aduc


Leggi Ancora

Lascia una risposta