Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

E chi l’ha detto che frutta e verdura fanno bene?

Postato da on feb 9th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Mangia la frutta, che contiene tante vitamine che ti aiuteranno a crescere bene. Credo che chiunque sia stato accompagnato nella sua infanzia da questo ritornello. Quanto emerso al convegno tenutosi il 5 febbraio a Marsiglia sembrerebbe drammaticamente smentire questa antica convinzione.

I risultati di uno studio hanno, infatti, portato alla luce una tremenda realtà: i pesticidi contenuti nei prodotti ortofrutticoli sarebbero responsabili di mutazioni cellulari strettamente connesse alla formazione di forme tumorali. Nello specifico la ricerca ha dimostrato che negli agricoltori, quotidianamente esposti al contatto con agenti chimici a rischio, è possibile rintracciare delle anomalie che sono precursori di cellule legate allo sviluppo di tumori del sistema linfatico, rischio che aumenta in relazione alle dosi con le quali si entra a contatto e ai tempi di esposizione.

Lo studio, condotto sotto la supervisione della lega per la lotta al cancro del centro di immunologia di Marsiglia – Luminy, vuole essere punto di partenza per elaborare metodiche di diagnosi precoce.

Una questione delicata, già messa in evidenza anni fa da organizzazioni come Legambiente o Greenpeace, che si sono battute per promuovere interventi di legge a favore di un abbassamento dei limiti di residui chimici consentiti in frutta e verdura; tuttavia i risultati raggiunti hanno portato a fissare un limite per i singoli principi contenuti nei prodotti, ma non per la loro somma complessiva, che, quindi, rimane ancora alta e non sufficiente a garantire la sicurezza alimentare.

Una possibile alternativa per non rinunciare alla bontà di frutta e verdura è senz’altro quella di rivolgersi al biologico.

Fonti: Le Monde Unimondo


Leggi Ancora

Lascia una risposta