Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

E’ morto il padre dello Statuto dei lavoratori, Gino Giugni

Postato da on ott 5th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Gino Giugni

Gino Giugni

Roma – E’ scomparso il padre dello statuto dei lavoratori, Gino Giugni.  Aveva 82 anni e una lunga carriera alle spalle. Da professore di diritto del lavoro all’università di Roma a presidente del Psi, ha insegnato a Parigi e Los Angeles, ed è stato Presidente dell’Accademia europea di diritto del lavoro. Ha anche ricoperto il ruolo di Ministero del Lavoro e della Sicurezza sociale durante il Governo Ciampi.
Nel 1969 venne messo a capo della Commissione nazionale che ebbe l’incarico di scrivere il testo che è una delle norme principali del diritto del lavoro italiano.
Una lunga carriera ricoperta da un uomo che può essere considerato “il padre del diritto del lavoro in Italia” – secondo le parole di Agostino Megale, segretario generale della Cgil.
E’ morto domenica notte a Roma al termine di una lunga malattia. “Con Gino Giugni se ne va un vero riformista. Lo Statuto che porta la sua firma è uno dei grandi passaggi della modernizzazione e della crescita sociale del nostro Paese. Per questo la sua scomparsa ci addolora e colpisce. Esprimo alla sua famiglia, ai suoi collaboratori la vicinanza mia personale e quella di tutto il Pd” ha dichiarato il segretario del Pd Dario Franceschini.

Fonte repubblica.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta