Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

E’ possibile conservare gli organi per il trapianto

Postato da on nov 3rd, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

La carenza di organi per il trapianto è uno dei grandi limiti della medicina. Le liste di attesa sono lunghissime, molti sono i pazienti che non arrivano al giorno dell’operazione,  perchè muoiono nel periodo di attesa oppure perchè lo stadio della malattia è talmente avanzato che il loro fisico non può reggere l’operazione. Ieri  è stata pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine una notizia che  migliorerà notevolmente lo stato delle cose. All’ Università di Toronto un’equipe di scienziati canadesi ha trovato il modo di conservare gli organi che vengono donati per il trapianto. Infatti una delle maggiori problematiche, riguarda la loro conservazione. Circa l’80% dei polmoni sono inutilizzabili, poichè insorgono delle complicazioni durante la terapia intensiva e successivamente alla morte celebrale del donatore. I polmoni, come altri organi subiscono delle infiammazioni, e non possono più essere utilizzati  poichè il corpo del ricevente li rigetta. E’ stata trovata una terapia genica testata con successo sui suini, che consente la conservazione ed il ripristino di condizioni ottimali dell’organo. Per mezzo di questa tecnica vengono eliminate le infiammzioni dannose, l’organo è conservato ad una temperatura corporea normale, è pomapata una soluzione di ossigeno proteine e sostanze nutritive nei tessuti danneggiati, consentendo alle cellule di rigenerarsi. Tutto ciò viene realizzato attraverso un virus da raffreddore che serve da veicolo per il trasporto di un gene chiamato IL-10 che produce un miglioramento nel flusso sanguigno, migliora la capacità vitale del polmone che si sbarazza del biossido di carbonio. Un’altra importante funzione dell’ IL10 è quella di ridurre il rischio di rigetto nel corpo ricevente, attraverso un abbassamento delle difese immunitarie. La terapia genica è stata testata solo sul polmone e trapiantata solo in animali, ma gli scienziati hanno dichiarato che sarà possibile effettuare trapianti anche sugli esseri umani ed utilizzare la terapia per la conservazione di altri organi.

Fonte timesonline.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta