Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Emergenza sanitaria e umanitaria per gli sfollati congolesi

Postato da on nov 6th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Sfollati congolesi

Sfollati congolesi

Sono più di 13 mila gli sfollati in fuga dalla città di Dongo, in seguito agli scontri aggravatisi il 29 ottobre scorso tra le forze di polizia congolesi e un gruppo di giovani del villaggio di Enyele, storicamente in lotta con gli abitanti di Monzaya. Gli aiuti per questa gente sono insufficienti: mancano medicinali, cibo, acqua potabile, alloggi e vestiti. Adesso, come dichiara la ONG “Médecins d’Afrique”, la paura è che possano diffondersi malattie. Un’emittente congolese, parla di tre decessi tra i rifugiati, di due donne incinte che hanno subito un aborto spontaneo e di una situazione umanitaria grave. Ci sono feriti e famiglie in difficoltà. Missionari, operatori dell’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati e autorità congolesi stanno provvedendo alle prime necessità delle persone, che sono state ospitate all’interno di scuole, ospedali e campi, a Betou, Eboko, Boyélè e Landza, località raggiunte dagli sfollati dopo aver attraversato il fiume Oubangi. All’origine delle tensioni decennali tra il villaggio di Enyele e quello di Monzaya, c’è lo sfruttamento di un lago molto pescoso. La rivalità è aumentata a causa della crisi economica. Il governatore ad interim della provincia dell’Equatoria dichiara che il conflitto sia pilotato dalle autorità di Kinshasa, che nel frattempo hanno incaricato un gruppo di negoziatori di incontrare i giovani Enyele. Una speciale commissione, formata da ministri e deputati, indagherà sull’accaduto.

Fonte misna.org


Leggi Ancora

Lascia una risposta