Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Emessa la Sentenza della Corte costituzionale sul Lodo Alfano

Postato da on ott 8th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Come annunciato ieri sera la Corte costituzionale ha emesso la Sentenza sul Lodo Alfano, il verdetto è stato di incostituzionalità. La legge è risultata incostituzionale in riferimento a diversi articoli, quello che proclama il principio di eguaglianza sostanziale, art. 3 Cost., e quello che sancisce che gli emendamenti della Costituzione possano essere effettuati solo attraverso una  legge di rango costituzionale, art. 138 cost.. La decisione della Corte genererà la riapertura dei processi Mills e Mediaset. In conformità al suo ruolo di garante e di Istituzione neutrale il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si rimette alla decisione della Corte, unico organismo deputato alla valutazione di costituzionalità delle leggi, e dichiara di accogliere la Sentenza con “rispetto”. Aspra la reazione di Berlusconi e del Pdl, il Premier dichiara di non voler prendere in considerazione quanto affermato dal Capo dello Stato, del resto a suo avviso è ben noto quali siano le radici politiche del Presidente. Non si lascia sfuggire ulteriori commenti in merito alla composizione della Corte, che secondo il suo parere ha enmesso una sentenza di carattere politico, legata agli orientamenti ideologici della maggioranza dei componenti la consulta. Offese per Rosy Bindi a Porta a Porta dove è intervenuto telefonicamente, “Ravviso che lei è sempre più bella che intelligente”. Il Pdl denuncia l’emissione di una “Sentenza politica”, il Pd chiede che il Presidente del Consiglio si rimetta alle decisioni dei Giudici, non sono richieste le sue dimissioni, posizione che è condivisa con l’Udc.
Mentre Bossi commenta ” Se si ferma il Federalismo faremo la guerra”. Nonstante pareri contrastanti in merito alla Sentenza unanime è la posizione in merito alle conseguenze politiche, nessuno chiede le dimissioni del Premier, solo l’applicazione della legge, unica voce fuori dal coro è quella di Di Pietro che chiede le dimissioni del Presidente del Consiglio.

Fonte ilmessaggero.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta