Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Europei Juniores 2011, Gijón: tutto pronto per l’esordio azzurro

Postato da on lug 4th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Sarà in un match mattutino contro l’Ucraina che l’Italia, detentrice del titolo continentale, scenderà in campo per la prima volta. Il Manager azzurro dovrebbe puntare su Davide Anselmi come lanciatore partente. Dopo tanto lavoro in allenamento, ora si fa sul serio

da Gijón (Spagna), Michele Gallerani

La preparazione, il lungo viaggio di trasferimento, l’attesa sono ormai finiti; anche l’ultimo allenamento, svolto sul terreno dove domenica prossima, 10 luglio, si giocheranno le finali del Campionato Europeo, è alle spalle. Adesso è il momento di fare finalmente sul serio.

L’Italia è pronta a esordire: ore 11, Campo “La Morgal”, contro l’Ucraina (segui il live), primo match del girone (A) di qualificazione, nel quale gli azzurri – detetentori del titolo – sono inseriti insieme a Belgio, Germania e Russia (oltre che naturalmente all’Ucraina).

Nel girone B invece giocano Repubblica Ceca, Francia, Lituania, Olanda e i padroni di casa della Spagna e il match d’esordio, sempre alle 11, sarà tra Olanda e Repubblica Ceca, mentre la Spagna giocherà alle 18.30 sul campo principale, quello dell’Universidad Laboral di Gijón, quello che per gli azzurri, che lì hanno effettuato il loro ultimo batting practice prima di giocare, è stato una spiacevole sorpresa. Il terreno del campo che ospiterà anche le finali del torneo non è certo in eccellenti condizioni, nonostante la buona volontà dell’organizzazione spagnola che, finora, è stata comunque impeccabile. Un campo sul quale però l’Italia tornerà solo a partire dalla semifinali, in programma sabato 9 luglio e che, in ogni caso, «sarà uguale per tutti – dice il Manager azzurro, Gianguido PomaNoi siamo pronti e carichi e non vediamo l’ora di cominciare».

Sarà una Nazionale competitiva, su questo non c’è dubbio, con un parco lanciatori di grande valore e con la consapevolezza di aver lavorato molto duro in questi quattro mesi di preparazione: «Si è vero – continua Poma – abbiamo lavorato molto bene, fin da quando abbiamo radunato il gruppo originario dei 40 a Marzo. Poi ci sono state tante amichevoli e tanti momenti collegiali in cui tutti hanno cominciato a fare la loro parte. Adesso pensiamo e giochiamo come una squadra». È vero che si potrà capire quanto sia stato proficuo questo lavoro solo al termine di questa lunga settimana, in cui fatta eccezione per martedì (giorno di riposo) gli azzurrini giocheranno tutti i giorni, «ma questo gruppo, costituito da tanti ragazzi della nostra Accademia e di numerosi atleti che giocano abitualmente nei loro club – prosegue il Manager della Juniores – è pronto per reggere la pressione di una competizione così dura». Ora resta solo il campo, alla ricerca della conferma di una tradizione che ha visto questa nazionale sempre in finale nelle ultime edizioni e che significherebbe, ancora una volta, arrivare fino all’ultimo giorno con la consapevolezza di potersi giocare tutte le carte per cercare di raggiungere l’Olanda nel numero totale di vittorie.

Si parte, molto probabilmente, con il “rookie” Davide Anselmi (nella foto mg-oldmanagency ritratto, primo da sinistra, in un momento di relax insieme ad Andreozzi, Marangoni e Benetti, davanti all’Hotel Begoňa di Gijón, dove alloggia la nazionale azzurra) sul monte di lancio, per affrontare l’Ucraina pronti, come chiosa Poma, a mettere in campo una grande forza agonistica, perché dopo tanta preparazione «è l’ora dell’agonismo!»

 

Fonte: Fibs.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta