Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Fantoni, Presidente della Consulta Casa Anci, denuncia: con cedolare secca a rischio aumento affitto

Postato da on mar 2nd, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Se la cedolare secca non verra’ bilanciata da altre misure, è concreto il rischio aumento per l‘affitto di quasi 1 milione di famiglie, che secondo le stime disponibili, rischiano di essere trasferite dal canale concordato al mercato a canone libero’’. E’ la preoccupazione espressa da Claudio Fantoni, Presidente della Consulta Casa Anci ed assessore del Comune di Firenze, nel giorno in cui il Parlamento vota il decreto sul fisco comunale che introduce la nuova misura sui redditi di locazione.

Anche se il provvedimento sul fisco comunale contiene norme con effetti positivi sui bilanci comunali neutralizzando in parte il peso dei tagli degli ultimi anni, dal punto di vista delle politiche abitative il decreto presenta elementi di forte incertezza’’, osserva Fantoni parlando al termine della Consulta casa svoltasi oggi a Roma. ‘’La cedolare secca – evidenzia – incidera’ in modo penalizzante o comunque non incentivante sul canale concordato degli affitti, finendo per compromettere la politica di calmieramento dei canoni promossa in questi anni dai Comuni’’.

Da qui la richiesta che l’Anci invia nuovamente al Governo di convocare urgentemente il tavolo di confronto e concertazione sulle politiche abitative. ‘’Bisogna prevedere ed introdurre misure idonee a garantire una incentivazione del canale concordato, con garanzie in favore dei proprietari, quali possibili morosita’ e danni agli alloggi locati, e di conseguenza vantaggi per gli inquilini, chiamati a pagare un affitto ridotto’’, ribadisce Giuseppe Pellacini, assessore alle politiche abitative del Comune di Parma.

Ma secondo Fantoni un altro passaggio necessario e’ quello di avere dati certi sul numero di famiglie che, una volta scaduto il contratto di affitto e senza contromisure adeguate, rischiano di essere trasferite al mercato a canone libero. ‘’Sappiamo che presso il Ministero dell’Infrastrutture e’ stato istituito l’Osservatorio nazionale per le politiche abitative che ha anche messo in bilancio alcuni finanziamenti. Ci auguriamo che questo osservatorio avvii in concreto la propria attivita’, anche con le sue antenne regionali. Solo in questo modo – conclude il delegato ANCI -potremo avere stime piu’ attendibili sull’effettivo impatto dell’introduzione della cedolare secca sulle famiglie che si rivolgono al canale concordato’’.



Leggi Ancora

Lascia una risposta