Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Festival Internazionale del Film di Roma: stasera il verdetto

Postato da on ott 23rd, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Film

Film

Stasera alle 18.30, nella sala Sinopoli dell’Auditorium, si conosceranno i vincitori della Selezione ufficiale del festival, assegnati dalla giuria presieduta da Milos Forman, il grande regista di “Qualcuno volò sul nido del cuculo” e “Amadeus”. Insieme a lui Gabriele Muccino, Gae Aulenti, Jean-Loup Dabadie, Pavel Lungin e Senta Berger. Durante la cerimonia, che sarà presentata da Vanessa Incontrada, Giuseppe Tornatore consegnerà il Marc’Aurelio d’Oro alla Carriera, ottenuto in passato da Sean Connery, Sophia Loren e Al Pacino, a Meryl Streep, l’artista che ha ricevuto più nomination nella storia dell’Academy. I pronostici danno per vincente il danese Nicola Donato e il suo “Broderskab”, una storia d’amore omosessuale tra neonazisti. Il Marc’Aurelio d’argento sembrerebbe destinato, invece, a “L’uomo che verrà” di Giorgio Diritti, che racconta la strage di Marzabotto. Per quanto riguarda gli attori, Sergio Castellitto per “Alza la testa” di Angelini e Helen Mirren per “The Last Station” di Michael Hoffman sono i favoriti. L’applauditissimo “Up in the Air” di Jason Reitman si aggiudicherà molto probabilmente il premio del pubblico. Intanto sono stati resi noti i vincitori dei premi collaterali. “L’uomo che verrà” di Giorgio Diritti ha guadagnato il Premio La meglio gioventù del Ministero della Gioventù, destinato al miglior film in concorso legato a temi educativi e civili. Gli agenti cinematografici della Lara, la Libera Associazione Rappresentanza di Artisti, hanno assegnato il premio per la migliore interprete italiana ad Anita Kravos, attrice nel film “Alza la testa” di Alessandro Angelici; il Premio Enel Cuore per il miglior film sociale è stato vinto da “H.O.T. – Human Organ Traffic” di Roberto Orazi; mentre gli studenti hanno assegnato il Premio Farfalla d’oro (Agiscuola) a “Brotherhood” di Nicolò Donato. “No one’s child” di Stefan Arsenijevic ha ottenuto il Premio per il miglior progetto europeo (La Fabbrica dei Progetti) – Levi’s. Da non dimenticare i premi collaterali legati a tre degli sponsor del festival: il premio Ikea a “The cove” di Louie Psihoyos, il premio Hag a “Latta e café” di Riccardo Dalisi e il premio speciale 10eLotto alla brava Alba Rohrwacher, protagonista del film di Diritti.

Fonte corrieredellasera.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta