Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Giappone: 10 mega centrali fotovoltaiche nell’area colpita dal terremoto

Postato da on lug 7th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Paura, paura, paura. Questo il sentimento dei giapponesi post Fukushima, per questo sono iniziati lavori per delle centrali fotovoltaiche. Energia solare per sfamare, elettricamente parlando, 30.000 famiglie giapponesi colpite dai disastrosi effetti dello tsunami. Il piano della società nipponica Mitsui & Co prende lentamente forma dopo i colloqui con le autorità locali e la Tohoku Electric Power Company. Con un investimento che dovrebbe raggiungere 10 miliardi di yen (circa 120 milioni dollari) dal prossimo marzo la Mitsui intende iniziare a costruire, nell’area colpita dal terremoto, oltre una decina di impianti fotovoltaici. Le centrali, che a regime vanteranno ciascuna una potenza di 1-2 MW, venderanno l’energia prodotta alle utility pubbliche, ridistribuendo i profitti agli investitori. La Mistui si occuperà, nel dettaglio oltre che dell’effettiva istallazione anche della messa in opera e della manutenzione.
La società spera così di creare nuovi posti di lavoro e aumentare l’alimentazione elettrica della regione, che sta ancora lottando per riprendersi dalla peggiore disastro del post-bellico mai scatenatosi a livello nazionale. Il piano aziendale collima perfettamente con le scelte di Tokyo per il futuro del Paese al 2050. Dopo l’11 marzo e la crisi nucleare innescata dai danni all’impianto di Fukushima, il primo ministro Naoto Kan si è trovato a dover riscrivere il programma energetico nazionale rimpiazzando l’apertura di nuovi reattori con un mix più dai connotati decisamente più green.


Leggi Ancora

Lascia una risposta