Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Giappone: chiusa la centrale di Hamaoka

Postato da on mag 13th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Akihisa Mizuno presidente della Chubu Electric Power Co. ha annunciato che sarà chiusa temporaneamente la centrale nucleare di Hamaoka, accogliendo la richiesta del premier Giapponese In Giappone la centrale di Hamaoka è tra le prime tre centrali nucleari per ordine di produzione di energia elettrica. E’ stata costruita in una zona fortemente sismica. I sismologi tengono ininterrottamente la zona sotto controllo per possibilei terremoti e conseguenti tsunami.
Dopo due mesi dal disastro nucleare di Fukushima e dalle conseguenze pesantissime per la popolazione Giapponese( ricordiamo che l’esposizione a radiazioni nucleari potrebbe comportare: malattie polmonari, leucemie, tumori, nascite di bambini con malformazioni e possibili alterazioni del DNA, il governo Giapponese ha chiesto la chiusura della centrale nucleare di Hamaoka. Dovrà essere messa in sicurezza con la realizzazione di una diga di contenimento per eventuali tsunami e altri controlli di routine. E’ questa sarebbe la deroga strappata da Chubu Electric Power assieme al compenso delle perdite economiche che ne deriveranno. Una buona notizia per i Giapponesi e per un futuro migliore è la seguente: il governo Giapponese intende puntare sulle energie pulite non nucleari. Altra buona notizia è quella di puntare nel futuro su energie alternative tali da ridurre abbassando la produzione di energia dal nucleare al 50%
Ha spiegato Mizuno:abbiamo deciso nella riunione finale del consiglio straordinario di sospendere il funzionamento dei reattori nr. 4 e nr.5 e di posticipare il riavvio del reattore nr.3. La richiesta del governo è stata accolta poiché vi è l’80% di probabilità che nella zona si possa verificare un terremoto oltre la magnitudo 8. E mancherebbero protezioni, come argini, contro uno tsunami.


Leggi Ancora

Lascia una risposta