Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Gli scienziati creano nuovi ricordi modificando il cervello

Postato da on set 17th, 2013 e file sotto Primo Piano, Ricerca Scientifica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

I neurobiologi della Irvine University of California hanno creato nuovi ricordi specifici modificando il cervello e questa potrebbe essere la svolta per comprendere e possibilmente risolvere i disturbi nell’apprendimento e nella memoria.

Creare nuovi ricordi specifici nel cervello è possibile ora, grazie alla ricerca condotta da Norman M. Weinberger, professore e ricercatore di neurobiologia e comportamento nella Irvine University of California che insieme ai suoi colleghi ha mostrato che alterando le cellule del cervello nella corteccia cerebrale, l’area del cervello che produce i ricordi, è possibile creare nuovi ricordi specifici nel cervello. I ricercatori affermano che questa è la prima prova del fatto che ricordi nuovi possono essere creati con una diretta manipolazione corticale. I risultati dello studio sono stati pubblicati nella rivista Neuroscience.

ricordi_cervello

Durante l’esperimento per creare nuovi ricordi nel cervello, Weinberger e i suoi colleghi hanno effettuato dei test sui roditori suonando una nota particolare. In una seconda fase hanno stimolato i nuclei basali nella profondità dei loro cervelli rilasciando Acetilcolina (ACh), una sostanza chimica coinvolta nella formazione della memoria. Questa procedura ha incrementato il numero delle cellule del cervello che hanno reagito alla nota specifica.

Il giorno seguente gli scienziati hanno suonato molte note ai roditori e hanno scoperto che questi reagivano quando riconoscevano la nota specifica utilizzata nel test il giorno precedente, dimostrando di aver creato un ricordo specifico causando cambiamenti nel cervello durante l’esperimento. I ricordi creati hanno le stesse caratteristiche di quelle naturali, compresa la memoria a lungo termine.

Winberger sostiene che “I disturbi di apprendimento e della memoria sono un grande problema che molte persone affrontano e, dato che abbiamo trovato non solo il modo in cui il cervello crea i ricordi, ma anche come creare ricordi nuovi per uno specifico argomento, la nostra speranza è che la nostra ricerca aprirà la strada per prevenire o risolvere questo problema globale”.

 Creare nuovi ricordi modificando direttamente la corteccia è il culmine di molti anni di ricerca sui nuclei basali, l’ACh nella plasticità del cervello e la creazione di ricordi particolari nel laboratorio di Weinberger. In precedenza gli scienziati avevano mostrato inoltre che la forza dei ricordi è controllata dal numero delle cellule nella corteccia uditiva che processa il suono.


Leggi Ancora

Lascia una risposta