Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Google ci porta a spasso tra i negozi del mondo

Postato da on apr 29th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

boutiqueCi sono dei posti che, inutile negarlo, molti di noi non avranno mai la possibilità di vedere. Non sto parlando di lontani paesi esotici, che tutto sommato con la rivoluzione del low cost diventano sempre più accessibili; quella cui mi riferisco è una realtà che può trovarsi anche nella nostra stessa città, magari perfino nello stesso quartiere in cui abitiamo, o lavoriamo (molto più probabile), ma che comunque proprio non fa parte del circuito di luoghi da noi frequentati, e frequentabili: le boutiques dei grandi nomi della moda. Che siano a Roma o Parigi, a Milano o New York, il problema non è la distanza, quanto qualche zero in meno rispetto a quelli necessari sulla nostra busta paga. Entrare soltanto per dare un’occhiata? Ne varrebbe la pena anche semplicemente per gustare gli arredi di questi veri e propri templi del lusso che solitamente, in linea con quello che vendono, sono all’ultimo grido; ma perché ridicolizzarsi di fronte ai commessi che soltanto guardandoci penserebbero “Inutile che fai finta di pensarci su, non ti basterebbe una vita per permettertelo”?

Per quelli a cui proprio non va giù di dover privare i propri occhi di tanto bel vedere, arriva da Google un nuovo servizio che offre la possibilità di visitare virtualmente tutti quei negozi Off Limits, per sbirciare, senza rischio di umiliazione davanti ai commessi, tra gli scaffali e le mensole.

Il servizio, che al momento si sta testando in alcune città degli Stati Uniti, dell’Australia e del Giappone, sarà disponibile anche per altre attività commerciali, come ristoranti e alberghi.

Peccato che Google non possa regarci anche

Fonti:    WhyModa


Leggi Ancora

Lascia una risposta