Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Gran Bretagna: il Tamigi produttore di energia

Postato da on nov 18th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Costruire una nuova rete infrastrutturale che si estenda per tutta la Gran Bretagna, un nuovo hub aeroportuale, una nuova stazione, un nuovo estuario per il Tamigi affiancato ad una centrale idroelettrica, creare una rete sotterranea di trasporto e stoccaggio dell’energia e rivoluzionare il trasporto nazionale ed internazionale, tutto esclusivamente ad energia zero ed in un’ottica sostenibile. Non si tratta di un progetto decennale di pianificazione per il Regno Unito, bensì di un unico complesso progetto, proposto da Lord Norma Foster, per trasformare l’immagine dell’UK e portarla al top dell’efficienza mondiale.

Il cuore del progetto è collocato in corrispondenza dell’estuario del Tamigi (55 km da Londra) dove potrebbero sorgere il nuovo Hub aeroportuale della Gran Bretagna ed un nuova complessa centrale di produzione energetica. Da questi due elementi prende il nome l’intero progetto: “Thames Hub”, a tutti gli effetti un sistema di controllo delle maree che, oltre a proteggere Londra dalle eventuali inondazioni previste per i prossimi anni, sfrutterà il moto ondoso delle acque, per produrre energia pulita consentendo al grande nodo infrastrutturale di non pesare sull’ambiente. La barriera dovrebbe essere lunga 5 chilometri e larga 500 metri, producendo un quantitativo energetico tale da soddisfare la richiesta di 76.000 famiglie. La stima del costo totale per realizzare “Thames Hub” è pari a 50 miliardi di sterline (58 miliardi di euro) per 10-15 anni di lavori, rispettivamente suddiviso per la realizzazione del nuovo sistema stradale, il nuovo porto, la costruzione dell’aeroporto destinato a 150 mln di passeggeri l’anno e la realizzazione della stazione ferroviaria sottostante il terminal, studiata per un bacino d’utenza pari a 300.000 passeggeri al giorno e che collegherà con l’alta velocità, la città di Londra alle principali città della Gran Bretagna e dell’Europa.

Fonte: wordlesstech


Leggi Ancora

Lascia una risposta