Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Green la rara tartaruga verde di nuovo libera

Postato da on ott 12th, 2011 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Asinara 12 ottobre 2011 – Green, l’esemplare rarissimo di tartaruga verde appartenente alla specie “Chelonia mydas”, ha ripreso il mare per la seconda volta. Recuperato nell’agosto del 2009 nella spiaggia di Marrizza (SS) in collaborazione con la BLON del C.F.V.A di Porto Torres, gli era stato salvato l’arto anteriore destro in seguito a strozzamento causato da filo di lenza. L’animale, dopo le cure prestate dal personale del Centro di Recupero Tartarughe Marine del CTS era stato rilasciato con un tag satellitare il 16 settembre 2010.
Durante tutto il periodo invernale la tartaruga è stata monitorata fino al 5 marzo, data dello spiaggiamento avvenuto presso la località delle Saline di Stintino (SS).
Grazie nuovamente alla collaborazione della Blon del Corpo Forestale di Porto Torres è stato possibile il trasferimento dell’animale al centro Recupero CTS di Fornelli.
Al momento del ritrovamento le condizioni della tartaruga erano molto critiche infatti l’animale presentava un grave stato di abbattimento generale ed ipotermia.
L’animale è stato dunque sottoposto a terapia medica giornaliera, ad un costante monitoraggio clinico e alla successiva riabilitazione fino alla sua completa guarigione.
Green è stata liberata il 6 ottobre 2011 nell’Area Marina Protetta di Villasimius con la collaborazione dell’Assessorato della Difesa dell’Ambiente della Regione Sardegna nell’ambito della Rete conservazione fauna marina, la Guardia Costiera di cagliari, il Corpo Forestale e di Vigilanza ambientale di Cagliari e il personale dell’AMP di Villasimius. Grazie all’apparecchio satellitare che le è stato installato sul carapace il Centro seguirà tutti i suoi spostamenti. E speriamo davvero che questa volta GREEN possa proseguire senza grandi impedimenti il suo lungo viaggio.


Leggi Ancora

Lascia una risposta