Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Honduras: il prezzo del legno

Postato da on mag 11th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

albMorire a causa dell’ambiente. Non succede soltanto che i danni ambientali incidano negativamente sulla salute dell’uomo, provocando malattie che possono anche condurlo alla morte.

Succede anche che chi si dedica alla tutela dell’ambiente, chi spende la sua vita in attività volte alla sua salvaguardia, finisca non diversamente da chi

E’ quanto è accaduto a Olancho, regione occidentale dell’Honduras dove, nella giornata dell’8 Maggio, ha perso al vita Adalberto Figueroa, persona attivamente impegnata nel movimento ambientalista locale; una morte dietro la quale gli amici intravedono il coinvolgimento gli imprenditori del legno.

Figueroa, infatti, portava avanti una battaglia contro la deforestazione del territorio; proprio pochi giorni prima di morire aveva sollecitato l’intevento dell’Istituto Nazionale di Conservazione e Sviluppo Forestale (Icf) perchè bloccasse il taglio degli alberi nella zona, una questione che da tempo assorbe le energie degli ambientaliti, intaccando, però, chiaramante gli interessi dei tagliatori di legna.

Difficile, quindi, non pensare che questa morte sia servita per difendere questi interessi. Questa morte come le altre, perchè ad oggi sono già nove le persone misteriosamente in qualche modo coinvolte nelle problematiche ambientali che sono state ammazzate.

Oltre alla dramamaticità degli eventi, anche l’impotenza; perchè nonostante le ripetute denuncie presentate alle autorità nessun provvedimento è stato preso.

Ormai soltanto amari sospetti; che la giustizia honduregna sia, in realtà, una pedina in mano alle elite imprenditoriali che dettano le linee guida.

Fonti:  Arianna Editrice


Leggi Ancora

Lascia una risposta