Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

I bambini-soldato sono vittime, non criminali

Postato da on mag 31st, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

E’ atteso prossimamente il processo nei confronti dell’afghano Omar Khadr, detenuto nel carcere di massima sicurezza di Guantanamo dal 2002, accusato di atti di terrorismo e responsabile dell’uccisione di un soldato americano.Unica precisazione, Omar Khadr aveva 15 anni all’epoca dei fatti. Appartiene, dunque, a quella lunga lista di bambini e adolescenti coinvolti nei conflitti armati, è uno dei così detti bambino-soldato. L’Unicef ,sottolinea che i bambini impiegati nei conflitti agiscono sotto coercizione e sono pertanto vittime e non carnefici, ribadisce la necessità di avviare a livello internazionale progetti di assistenza e recupero per questi minori, evitando, invece, processi e condanne. L’unicef  si batte affinchè chi sia perseguitato per reati commessi quando era minorenne venga trattato nel pieno rispetto dei principi basilari della giustizia minorile internazionale, che prevedono un trattamento speciale per questi soggetti. Forte, quindi, la preoccupazione per il processo imminente, che non solo si svolgerà in un tribunale incapace di garantire le tutele previste, ma rischia anche di creare un grave precedente internazionale a danno di altri minori vittime di reclutamento tra le fila degli eserciti.

Fonti: Unicef


Leggi Ancora

Lascia una risposta