Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

I libri perduti dei grandi autori della storia

Postato da on apr 12th, 2012 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Sono stati i nostri avi ha scegliere e selezionare per noi la letteratura e la conoscenza. Purtroppo però anche fra le opere dei poeti e degli scrittori più conosciuti del mondo, ci sono delle lacune. E’ stato lo Smtihsonian Magazine ha realizzare un elenco delle opere perdute.

Sebbene rispetto all’esistenza di Omero la letteratura si sia sempre divisa e molte siano le ipotesi, sappiano con certezza che l’Iliade e l’Odissea portano il suo “marchio”.

Ma pochi sanno che ad Omero è attribuito anche un altro lavoro, un poema satirico chiamato Margites. Di quest’opera nulla è arrivato ai nostri giorni ma alcuni grandi filosofi dell’antichità ne hanno parlato, ad esempio Platone e Aristotele, che ne l’Arte della Poesia si riferisce proprio a questo poema per indicare una delle prime forme di commedia della storia.

Fra i libri perduti, molti appartengono alla Bibbia, la loro esistenza è nota solo perché a questi testi fanno riferimento le stesse scritture sacre.

Il libro dei numeri menziona il Libro delle Battaglie di Jahvé, di cui non è sopravvissuta alcuna copia, o ancora il primo e secondo Libro dei Re, e il primo e il secondo Libro delle Cronache, fanno riferimento al Libro delle Cronache dei Re di Israele, di cui non si ha alcuna traccia.

Anche Shakespeare è rimasto vittima del tempo, sembra infatti che fra i suoi lavori vi fosse anche una tragedia chiamata il Cardenio. Sebbene anche in questo caso si tratti di un’opera perduta, le cronache del tempo provano che Shakespeare e la sua compagnia, Gli uomini del Re, scrissero questo spettacolo per  Re James I, nel 1613. Nel Don Quijote di Cervantes, tradotto in inglese nel 1612, c’è un personaggio che porta proprio questo nome; se si fosse trattato di un esempio di letteratura comparata però non lo potremo mai sapere.


Leggi Ancora

Lascia una risposta