Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

I poteri della vitamina b sull’Alzheimer

Postato da on set 9th, 2010 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Potrebbe essere sufficiente l’assunzione regolare del complesso di vitamina b per frenare la progressione dell’Alzheimer. Questo, in sintesi, il risultato di studi sperimentali condotti presso l’Università di Oxford.

I ricercatori hanno messo sotto osservazione alcuni pazienti con grado variabile di problemi a livello neurologico, sottoposti a somministrazione regolare di vitamina b per un periodo di tempo sufficientemente prolungato (due anni) tale da poter produrre risultati da considerarsi attendibili. Si è potuto osservare in loro un netto rallentamento dei problemi neurologici rispetto a chi non ha avuto accesso a questo tipo di trattamento con vitamina b. Gli esami di valutazione sono stati condotti mediante risonanza magnetica al cervello.

In particolare sono stati testati i risultati dell’impiego di acido folico, vitamina b6 e b12, il complesso vitaminico coinvolto nel sistema circolatorio.

L’auspicio degli esperti è che studi successivi confermino questi risultati, così da poter dichiarare con certezza che questo approccio, indubbiamente di facile accesso a chiunque ne abbia bisogno e ritenuto dai medici del tutto sicuro, è in grado di frenare l’avanzamento dell’Alzheimer, quando non possa addirittura bloccarne l’insorgenza.

Chris Kennard, Presidente del consiglio sulla salute mentale al Medical Research Conci, e Rebecca Wood, della Alzheimer’s Research Trust, si sono dichiarati molto fiduciosi.

Fonti: Guardian


Leggi Ancora

Lascia una risposta