Galileo Galilei “Meglio è una piccola verità, che una grande bugia”

Albert Einstein “Non penso mai al futuro. Arriva così presto.”

Il contropiede di 307 ex parlamentari “Stop a tagli benefit, faremo i consulenti”

Postato da on lug 17th, 2009 e file sotto Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

L'aula del Senato

L'aula del Senato

ROMA – La carica dei 307 “ex” punta dritto su Palazzo Chigi. Arzilli parlamentari di un tempo, capelli bianchi, ma nessuna voglia di farsi da parte, si preparano a difendere con le unghie i benefit di cui hanno goduto per una vita (viaggi gratis, essenzialmente) e che ora Camera e Senato si accingono a falcidiare. E per dimostrare di essere ancora “una risorsa della Repubblica” scrivono al governo Berlusconi, si mettono a disposizione e ottengono dal sottosegretario Gianni Letta il via libera al “reclutamento”. Molti diventeranno consulenti. A titolo gratuito, si precisa, salvo eventuali rimborsi, ovvio.

Nella squadra c’è di tutto. Ex comunisti e forzisti della prima ora, giuristi illustri, socialisti irriducibili e una schiera di democristiani. Tra i tanti curricula con annessa “competenza per materia” che planano sulla Presidenza del Consiglio quello dell’ex pm Tiziana Parenti (giustizia) e del sindacalista Giorgio Benvenuto (sociale), dell’uomo-pesce Enzo Maiorca (ambiente) e dell’ex vice presidente del Csm Giovanni Galloni (politiche istituzionali), passando per il dc Mario D’Aquisto e “il ministro degli esteri del Pci” Antonio Rubbi.

L’operazione è condotta da quella sorta di sindacato che è l’Associazione degli ex parlamentari, presieduta da Franco Coccia, Pci alla Camera dalla quarta alla settima legislatura (oggi siamo alla sedicesima). Rappresenta tutti i 1.550 che sono passati anche solo per pochi anni dal Parlamento e che percepiscono il vitalizio. La lettera al premier Berlusconi è datata marzo 2009, quando è iniziata a circolare soprattutto al Senato l’ipotesi dei tagli poi varati effettivamente da Palazzo Madama a partire dal gennaio 2010 sul milione 726 mila euro speso ogni anno per telepass, biglietti ferroviari e voli gratuiti degli ex.

Loro non si perdono d’animo e scrivono a Palazzo Chigi: “Mettiamo a disposizione della Presidenza colleghe e colleghi che hanno maturato nelle vesti di parlamentari, ministri e sottosegretari esperienze e conoscenze. Un’offerta a costo zero – continua la lettera del presidente Coccia – avanzata anche per mettere in luce come il ruolo dell’ex parlamentare deve essere una risorsa per le istituzioni”. Il 27 aprile e poi ancora il 18 maggio, il sottosegretario Gianni Letta risponde e accoglie a braccia aperte. Ringrazia per l’offerta di “consulenza gratuita” e chiede che vengano “indicate le singole professionalità ed esperienze maturate per indirizzarle nei settori di specifica competenza”. E così, l’Associazione si mette in moto, avverte tutti i suoi iscritti, sollecita curricula e alla sede di Piazza di Campo Marzio a Roma ne arrivano 307. Adesso, racconta Coccia, saranno spediti al governo i nominativi con le relative “competenze”: “Sarà il Dottor Letta a scegliere quanti e quali nomi, con piena discrezionalità”.

Ma gli ex non si sono fermati lì e sono passati al contrattacco. Hanno fatto leva sul disco verde incassato per inviare una lettera di fuoco alla presidenza del Senato, “rea” di aver infierito coi tagli che anche la Camera potrebbe far propri. Titolo: “Solidarietà, non discriminazione”. Nella nuova missiva di poche settimane fa, esprimono “viva amarezza e delusione” per la scure che garantirebbe una “irrisoria economia” (1,7 milioni). Lamentano di non essere stati consultati e soprattutto l'”iniqua e punitiva discriminazione” subita: “La totale soppressione (dei viaggi gratuiti, ndr) ad eccezione dei senatori dell’ultima e penultima legislatura, è del tutto inaccettabile”. Tanto più – è la stoccata finale – che “ha trovato accoglimento da parte del sottosegretario Letta la nostra disponibilità: siamo pronti a fare altrettanto con le presidenze delle Camere”. E poi, concludono gli “ex”, “ci rivolgiamo a voi senatori affinché sia mantenuto quel vincolo di solidarietà che ha sempre legato i colleghi di ieri e oggi”. Chiaro il monito: ricordatevi, un giorno sarete quello che noi siamo.

fonte Repubblica.it


Leggi Ancora

Lascia una risposta